Verona, San Zeno in Monte: un miracolo salva don Giuseppe dalla tragedia

Un vero e proprio miracolo quello che ha salvato la vita di don Giuseppe Pasini nella Chiesetta di San Zeno in Monte. Il Sacerdote: “Ho pregato per ringraziare il Signore”.

San Zeno in Monte
San Zeno in Monte (photo websource)

Nella giornata di domenica, don Giuseppe Pasini si trovava nella Chiesetta di San Zeno in Monte, a Verona. Il Sacerdote, come riporta L’Arena, si trovava in piedi per l’omelia. Proprio per questo motivo, don Giuseppe si è salvato dalla tragedia. In quello stesso istante, infatti, davanti a circa cinquanta fedeli, uno dei quattro pinnacoli del campanile è caduto, sfondando la volta della Chiesa e precipitando sulla sedia dove fino a poco tempo prima era seduto il Sacerdote.

Don Giuseppe: il miracolo evita la tragedia

Si sarebbe registrata senz’altro una tragedia, dal momento che, come lo stesso Sacerdote fa sapere, quel macigno peserà almeno venti chili. Il pinnacolo, a causa del maltempo, si è precipitato a mezzo metro dalla sua testa. In realtà, dalla testimonianza di don Giuseppe, la paura in quel momento ha attraversato più i fedeli che egli stesso. Questo perché, mentre celebrava, don Giuseppe non ha visto cadere i macigni, essendo di spalle. Il triste episodio, però si è verificato di fronte ai fedeli, che hanno assistito alla scena.

San Zeno in Monte
San Zeno in Monte (photo websource)

La preghiera di ringraziamento

Un autentico miracolo: questo ha salvato la vita del Sacerdote, che, dopo quanto accaduto, ha voluto ringraziare il Signore con una preghiera: “Ho recitato immediatamente una preghiera di ringraziamento per me e per gli altri. Per fortuna nessuno si è fatto male”.

Leggi anche: Nubifragio Verona, bufera per il tweet del giornalista: “Riflettano sul Karma”

Fabio Amicosante

 

 

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]