Tutto è pronto per festeggiare il “nuovo primato” di Giovanni Paolo II

È la prima in assoluto in Italia ad aver scelto all’unanimità il Pontefice polacco Karol Wojtyla. Tutto è nato nel corso dell’anno del centenario dalla sua nascita.

In occasione della celebrazione, quel giorno le scuole e gli uffici pubblici resteranno chiusi.

Decisione all’unanimità

La località calabra, Casali del Manco (Cosenza) si appresta, per la seconda volta, a celebrare San Giovanni Paolo II con una serie di iniziative. è la prima in Italia ad aver scelto il pontefice polacco come proprio patrono. Casali del Manco è un comune di recente istituzione, nato dall’accorpamento di cinque comuni più piccoli, situati ai margini del Parco Nazionale della Sila: Spezzano Piccolo, Casole Bruzio, Pedace, Serra Pedace e Trenta.

La proclamazione di San Giovanni Paolo II a patrono è avvenuta lo scorso anno, nel centenario della nascita del papa, ed è avvenuta in due fasi. Dapprima la decisione è stata presa all’unanimità dai parroci locali, poi ad esprimersi è stato il consiglio comunale, sempre all’unanimità.

Leggi anche: 11 settembre vent’anni dopo: le parole di Giovanni Paolo II sempre attuali

La data delle celebrazioni è fissata, ovviamente, al 22 ottobre, memoria liturgica di San Giovanni Paolo II: quel giorno a Casali del Manco le scuole e gli uffici pubblici restano chiusi. La proclamazione del nuovo patrono, comunque, non ha annullato i culti dei santi locali, come, ad esempio, quello di San Donato a Pedace.

La decisione del comune calabro ha in qualche modo anticipato una possibile proclamazione di San Giovanni Paolo II a co-patrono d’Europa, come proposto lo scorso anno dalla Conferenza Episcopale Polacca.

Leggi anche: Cosa lega Padre Pio, Giovanni Paolo II e la Madonna di Czestochowa?

Solenne celebrazione e convegno

Ci fa piacere che siamo stati “apripista” per il resto dell’Europa – ha dichiarato il sindaco di Casali del Manco, Stanislao Martire, in un’intervista al settimanale polacco Niedzela –. Aspetteremo con gioia tale proclamazione, pregando che possa avvenire. Per noi sarebbe un motivo di orgoglio perché abbiamo visto lontano e abbiamo fatto la scelta giusta. In ogni caso, il nostro comune, un piccolo e remoto angolo del nostro continente, è già posto sotto la protezione di san Giovanni Paolo II, possiamo servire da esempio”.

Leggi anche: Giovanni Paolo II: dieci curiosità su di lui poco note per ricordare la sua nascita

Quest’anno Casali Del Manco festeggerà il suo patrono venerdì 22 ottobre, alle ore 21, con una solenne celebrazione eucaristica, presieduta al palazzetto dello sport di Casole Bruzio, dall’arcivescovo di arcivescovo di Cosenza-Bisignano, monsignor Francesco Nolè, alla presenza delle autorità civili e militari del comune calabro.

Sabato 23 ottobre, alle 18.30, sarà la volta del convegno San Giovanni Paolo II. Architetto dell’Unità, ospitato alla chiesa di San Pietro e Paolo a Pedace. Moderata dalla giornalista Zaira Sorrenti, la tavola rotonda vedrà la partecipazione di don Andrea Dobrzynski, direttore del Centro di Documentazione e Studio del Pontificato di Giovanni Paolo II a Roma, e le testimonianze di chi ha partecipato alle Giornate Mondiali della Gioventù con Karol Wojtyla.

Leggi anche: 13 maggio, l’attentato a Giovanni Paolo II: tutti i retroscena mai raccontati prima

 

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it