Triduo a San Giovanni Paolo II, primo giorno: il testamento

Ci avviciniamo alla giornata del 22 ottobre, giorno in cui celebriamo la memoria liturgica di San Giovanni Paolo II: ci prepariamo a farlo attraverso il seguente triduo.

«Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!  Non abbiate paura! Cristo sa “cosa è dentro l’uomo”. Solo lui lo sa!». Con queste parole, San Giovanni Paolo II dava inizio al suo pontificato, nel 1978. Il Santo Pontefice è stato il primo Papa polacco della storia. Il suo grande senso di “apertura” lo portò a compiere ben 104 viaggi in tutto il mondo, con i quali stabilì una grande attività di contatto con la popolazione, soprattutto con i più giovani. Risale infatti agli anni ’80, nel pieno del suo pontificato, la creazione della Giornata mondiale della gioventù. Dopo i nove giorni di preghiera, caratterizzati dalla novena a San Giovanni Paolo II, ci uniamo in preghiera con il triduo a lui dedicato.

San Giovanni Paolo II: il testamento

Sulla scia di quanto fatto già da Papa Paolo VI, il Santo Pontefice Wojtyla redasse un documento, questa volta in lingua polacca, che aveva la funzione di testamento, ma non solo. Il documento di Giovanni Paolo II presentava anche alcune riflessioni su episodi significativi del suo pontificato e chiude con alcuni ricordi delle molte persone conosciute durante la sua esperienza. Il testamento di San Giovanni Paolo II è stato letto prima del suo funerale e reso pubblico il 7 aprile 2005.

Triduo a San Giovanni Paolo II – primo giorno

Ti ringrazio, Dio Padre,
per il dono di Giovanni Paolo II.
Il suo “Non abbiate paura: spalancate le porte a Cristo”
ha aperto il cuore di tanti uomini e donne,
abbattendo il muro della superbia,
della stoltezza e della menzogna,
che imprigiona la dignità dell’uomo.
E, come un’aurora, il suo ministero ha fatto sorgere
sulle strade dell’umanità
il sole della Verità che rende liberi.
Ti ringrazio, o Maria,
per il tuo figlio Giovanni Paolo II.
La sua fortezza e il suo coraggio, traboccanti d’amore,
sono stati un’eco del tuo “eccomi”.
Egli, facendosi “tutto tuo”,
si è fatto tutto di Dio:
riflesso luminoso del volto misericordioso del Padre,
trasparenza viva dell’amicizia di Gesù.
Grazie, caro Santo Padre,
per la testimonianza d’innamorato di Dio che ci hai donato:
il tuo esempio ci strappa dalle strettoie delle cose umane
per elevarci alle vette della libertà di Dio.

Preghiera

O nostro amatissimo padre Giovanni Paolo II
aiutaci ad amare la Chiesa con la stessa
gioia e intensità con cui tu l’amasti in vita.
Fortificati dall’esempio di vita cristiana
che ci hai donato guidando la Santa Chiesa
quale successore di Pietro
fa che possiamo anche noi rinnovare il nostro
“totus tuus” a Maria la quale amorevolmente
ci condurrà al suo diletto Figlio Gesù.

(fonti preghiere: preghiere per la famiglia)

Novena a San Giovanni Paolo II: clicca qui

Fabio Amicosante

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]