La storia di Kevin: “Mi hanno convinto che ero gay, poi ho incontrato Gesù”

Kevin racconta in che modo l’incontro con Gesù lo ha salvato da uno stile di vita dissoluto, fatto di alcol, perversione e orge.

Getty Images

Oggi va in giro per il Texas a testimoniare la sua rinascita dopo l’incontro con la religione e con Dio.

La drag queen

Sul sito web ‘Pro vita e famiglia’ leggiamo la storia di Kevin Whitt. Un uomo che per oltre 20 anni è stato una Drag Queen e che adesso testimonia l’estrema infelicità nella quale quello stile di vita lo aveva fatto sprofondare. In una delle parti più toccanti di questo racconto, infatti, Kevin dice: “La maggior parte delle persone non è consapevole del trauma interiore e del dolore con cui convivono queste persone. Essere un drag queen fa parte di uno stile di vita molto autodistruttivo…Vivevo costantemente in depressione. Ero un alcolizzato”.

Leggi anche ->DDL Zan: fatta la legge, trovato l’inganno! Il rischio della deriva liberticida

Lo dice dall’alto di un’esperienza pluriennale, dopo aver vissuto un periodo di depressione tanto lungo da averlo portato ad avere pensieri autodistruttivi. Tutto è cominciato, spiega l’uomo, quando era solamente un bambino e degli uomini hanno abusato di lui: “Sono andato dai ‘terapisti di genere’ quando ero più giovane. Ogni volta che dicevo loro che ero stato violentato e molestato [da bambino], loro rispondevano: «Oh, dovresti solo essere una donna!». Cercavo aiuto, ma tutto ciò che mi è stato dato è stata l’affermazione della mia omosessualità e transessualità”.

Leggi anche ->La Spagna applaude le Drag Queen che ridicolizzano Cristo in croce

Kevin incontra Gesù e rinasce

La svolta nella vita di Kevin è avvenuta quando ha cominciato a frequentare la chiesa e il suo cuore è stato toccato da Gesù Cristo: “Cinque anni e mezzo fa ho incontrato Gesù, che mi ha liberato. Da allora la mia vita è cambiata in meglio, sono felice, sono molto più felice di quanto non sia mai stato”. Proprio questo senso di pace interiore, di felicità, mai provato prima l’ha convinto che la battaglia contro le drag queen e quello stile di vita è giusta.

Oggi quest’uomo texano passa gran parte della sua vita a portare la propria testimonianza e a cercare di convincere i genitori ad allontanare i figli dalla cultura gender. Kevin continua ad andare ogni anno al Gay Pride, adesso però parla con i partecipanti, porta la sua esperienza e cerca di convincerli ad abbracciare Cristo.

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]