Medjugorje: da cosa si riconoscono i cristiani nel mondo?

“Dal vostro amore, figlioli, si riconoscerà che siete miei”. La Regina della Pace di Medjugorje ci conferma quanto aveva detto il Figlio Gesù.

Medjugorje messaggio del mercoledi

Maria, la nostra Mamma celeste, affida ai veggenti -ormai dal lontano 1981- i messaggi che servono a fare in modo che l’umanità cambi rotta e si converta davvero. 

La Regina della Pace di Medjugorje vuole cambiare il nostro cuore, mostrandoci quale immenso amore nutre per noi e quale speranza ripone nei figli che l’Altissimo gli ha assegnato, per l’eternità.

Medjugorje: Messaggio del 25 Marzo 1998 – siate miei testimoni nella fede

“Cari figli, anche oggi vi invito al digiuno e alla rinuncia. Figlioli, rinunciate a ciò che vi impedisce di essere più vicini a Gesù. In modo speciale, vi invito: pregate, perché soltanto con la preghiera potrete vincere la vostra volontà e scoprire la volontà di Dio anche nelle più piccole cose.

Con la vostra vita quotidiana, figlioli, voi diventerete di esempio e testimonierete che vivete per Gesù, oppure contro di lui e contro la sua volontà. Figlioli, desidero che voi diventiate apostoli dell’amore. Dal vostro amore, figlioli, si riconoscerà che siete miei. Grazie per aver risposto alla mia chiamata“.

medjugorje

Riflessione sul messaggio da Medjugorje per oggi

Anche la Regina della Pace di Medjugorje ci conferma quanto Gesù stesso esprime del Vangelo: il mondo riconoscerà i cristiani da come si ameranno e si rispetteranno, l’uno con l’altro. Il nostro tratto distintivo è, dunque, la carità vicendevole. Chiediamoci, oggi stesso, se Maria ci riconoscerebbe davvero, in mezzo alla folla di questo mondo!

Leggi anche – Medjugorje: Il tempo sta per scadere, a breve i 10 segreti

Antonella Sanicanti

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]