L’anima: come possiamo scoprire se davvero esiste?

Quando pensiamo alla nostra morte o di una persona a cui vogliamo bene, ci chiediamo subito cosa sarà di noi e della nostra anima. Ma siamo certi che l’anima esista davvero? Come si fa a percepirla?

La spiegazione di un sacerdote ci accompagna con mano al comprendere come essa in noi sia presenta adesso e come sia presente anche nella vita eterna.

salire al cielo
photo web source

Esiste davvero?

L’esistenza dell’anima, sia quando si è ancora in vita che dopo la morte, è una domanda che, almeno una volta, ci siamo posti. Avremmo anche voluto, forse, chiedere ad un sacerdote, ma l’imbarazzo è stato tale che abbiamo desistito.

Ma l’anima esiste davvero? Un fedele ha posto questo quesito ad un sacerdote: “In seguito alla pandemia e alla recente morte dei miei genitori per cause naturali, ho ripensato all’esistenza dell’aldilà e all’esistenza dell’Anima nello specifico, al punto da spingermi a scrivere un saggio su: Come sapere che l’Anima esiste davvero? […] L’Anima agisce nella nostra vita anche se non la vediamo, ma perché gli esseri umani tendono ad agire lontano dalle leggi di Dio? Quali altre forze ci sono e perché la nostra Anima soccombe ad esse?”.

Un sacerdote risponde ad un quesito importante

La risposta di Padre Angelo arriva puntuale e precisa: “L’anima è una realtà di ordine spirituale […] Noi diciamo che vi è anima dovunque c’è vita. La differenza tra un corpo umano vivo e un corpo umano morto è questa: il corpo umano vivo è animato, quello morto è cadavere. La stessa cosa va detta anche per gli animali e per le piante. Dovunque c’è vita, c’è anima. Per anima infatti s’intende il principio vitale”.

Ma l’anima è, soprattutto, qualcosa di spirituale: “Il problema più grosso consiste nel dire che l’anima dell’uomo non è soltanto vegetativa e sensitiva come per le piante e gli animali, ma che è spirituale. L’uomo, nelle sue attività, manifesta una superiorità, una trascendenza sulla materia: la elabora, la riesprime, la ricombina. Per fare un esempio molto banale: tu non avrai mai visto un animale accendere il fuoco e fare da mangiare. L’uomo invece lo fa.

“L’anime è di ordine spirituale”

E questa attività manifesta una trascendenza sulla materia, sicché ne prende possesso, la rielabora, la ricombina come vuole […] E anche solo la possibilità di pensare a realtà spirituali (Dio, gli angeli, i demoni, l’anima immortale), indipendentemente ancora dalla loro esistenza, non manifesta che nell’uomo c’è qualcosa di spirituale? Infatti non potrebbe captare o anche solo pensare a realtà spirituali, se egli stesso non fosse in qualche parte di se stesso spirituale” – spiega.

LEGGI ANCHE: Una particolare preghiera che dona serenità alla nostra anima

Spiritualità e immortalità dell’anima

L’anima ha anche una sua spiritualità? “[…] Il passaggio poi dalla spiritualità all’immortalità è molto breve: muore solo ciò che è organico, ciò che è costituito di parti. Quando le parti di un organismo non cooperano più per il bene del tutto, questi tutto si disfa, muore, si corrompe. Ma ciò che è spirituale non è materiale e pertanto non è neanche composto di parti che possano disgregarsi fra di loro. Ne segue che ciò che è spirituale è anche immortale. Questa verità, di ordine razionale, è poi confermata dalla fede” – conclude il sacerdote.

Fonte: amicidomenicani

LEGGI ANCHE: Adottare un’anima del Purgatorio è possibile? | Ecco come

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it