Ecco la nuova religione: l’uomo al posto di Dio

 

La nuova religione l’uomo che sostituisce Dio con se stesso

C’è un problema molto serio nel mondo cattolico che ci preme sottolineare. Nella chiesa di oggi c’è chi si crede di essere più misericordioso del Padreterno. Questa è una cosa che ci lascia molto perplessi! Il grande inganno è quello di far credere alle persone che in fondo si possano trovare soluzioni alternative per giungere in paradiso, a discapito di ciò che Dio ha rivelato agli uomini. Mi da fastidio che si faccia credere che il bene e il male non siano due realtà oggettive, ma solo due fenomeni contingenti alla democrazia universale. Mi da fastidio che si voglia superbamente usurpare il posto che spetta a Dio, nella società e nella chiesa. Mi da fastidio che in nome di un blasfemo e superficiale concetto di unità e di dialogo, si faccia finta che non ci sia una verità oggettiva. Mi da fastidio che si anatemizzino i “muri” eretti dalla verità stessa in nome dell’amore per gli uomini per chiedere di costruire improponibili ponti da cui nessuno arriva ma su cui molti passano per perdersi nella menzogna. Mi da fastidio che si disprezzino i sacerdoti, ministri di Dio, che lavorano con coraggio e perseveranza e dedizione per la salvezza delle anime e si esaltino invece quei sacerdoti che purtroppo hanno trasformato il loro ministero soprannaturale in un mestiere sociale. Mi da fastidio che si abbia sempre una parola buona per tutti, meno che per quelli di casa propria. Mi da fastidio che si faccia spettacolo al posto di rendere culto a Dio nelle celebrazioni liturgiche e – peggio ancora – chi si pavoneggia facendo la prima donna in chiesa! Mi da fastidio che i fedeli non possano confessare liberamente i loro peccati perché il prete di turno li blocca dicendo che la misericordia (?) non vuole questi “formalismi” che sono stati però insegnati dal Magistero e vissuti dai santi per duemila anni. Mi da fastidio che si dica, se non con le parole, con le opere: sono più buono io del Padreterno. Io ti accolgo così come sei, Lui vuole che rispetti i comandamenti per accoglierti. Io rispetto la tua religione, Lui vuole convertirti alla sua. A me basta che mi ami, Lui invece ti chiede penitenze. Mi da fastidio – in una parola – che si spacci tutto questo per cattolicesimo, che si ometta di parlare della Giustizia di Dio, per parlare solo di (?) Misericordia.

Mi da fastidio perché questo non è il cattolicesimo insegnato dai padri e vissuto dai santi. Questa è una nuova religione: la religione dell’uomo al posto di Dio – la religione dell’anticristo – detta anche abominio della desolazione. Perché avviene tutto questo se non perché i fedeli non reagiscono a tale uso blasfemo della fede divina e cattolica? Suor Lucia di Fatima diceva: “Non bisogna aspettare i sacerdoti, i vescovi, bisogna che i fedeli inizino da soli a santificarsi”. Dopo cinquant’anni direi che è ora di dire BASTA! Non si può più accettare un camuffamento del cattolicesimo di questo genere! Cristo non è venuto a insegnare la pace e il dialogo ma per versare il suo sangue per strappare l’umanità dal giogo di satana! Chi non crede questo, chi non predica questo, non è una guida! Non è un soggetto da seguire! La pestilenza dell’eresia si e’ insinuata nella santa chiesa da tempo e non si può più tollerare perché chi ne subisce le conseguenze e’ il mondo intero! Non esiste unità senza verità! Non esiste vero amore senza verità! Non esiste salvezza senza verità! La verità è Cristo e Cristo dice: “Chi mi ama osserva i miei comandamenti!”. Chi osa separare l’amore dall’osservanza dei comandamenti, sta proponendo un falso concetto di amore. Non è difficile parlare bene, dicendo anche molte verità. Quando però nei fatti si favorisce la confusione, la menzogna e quindi satana, le parole stanno a zero! L’amore risiede nella volontà! Io dimostro che ti amo, perché agisco per il tuo bene. Ecco i comandamenti! Oggi chi vuole amare la Chiesa deve restare in un angolo! Deve coltivare il suo orticello, vivendo come Dio vuole che si viva la fede, guardando con occhi tristi la rovina sempre più progressiva della fede nella chiesa universale. Sant’Atanasio era rimasto praticamente solo. Scomunicato addirittura dal Papa del tempo, che si era fatto plagiare dall’eresia ariana. Alla fine però, RESISTETTE, e salvo la fede della chiesa venendo poi canonizzato da un altro Papa successivamente. Cosa avranno pensato quelli che vivevano al tempo di Atanasio? Che era un pazzo? La maggioranza dei vescovi e persino il Papa dicono così, lui invece si incaponisce a dire altro… ma lui era fedele alla verità! I veri profeti sono sempre stati soli contro la maggioranza. La Scrittura sacra insegna. Santa Giovanna d’Arco sentiva la voce di Dio che le diceva di obbedire ai suoi superiori, alla gerarchia della Chiesa ma “Solo fino a quando voi ubbidirete a Dio!”. La bruciarono come eretica, poi altri la fecero Santa. Anche oggi, c’è bisogno di voci che si elevino contro la grande menzogna che sta sempre più salendo come grido di sfida al cielo, attirando castighi sul l’umanità intera. C’è bisogno che rimanga un piccolo resto a implorare misericordia per il mondo. Chi se la sente di prendere posizione? Non si possono servire due padroni perché si amerà uno e si odierà l’altro o viceversa. O Dio o satana. O il cielo o l’inferno. La scelta sta a noi. Le armi ci sono state date, il cielo ha parlato. È stato fatto tacere ma non sono riusciti a impedire a chi voleva capire di farlo. La guerra non deve essere quella delle bombe atomiche ma quella degli spiriti! “Chi manderò? Chi andrà per Noi?” Chiede Dio. Chi risponderà “Eccomi!”?…