Covid: l’ultimo viaggio insieme di Olga e Vincenzo, sposi da 60 anni

Il Coronavirus non può spezzare un legame di vita durato 60 anni. La storia che vi raccontiamo è quella di due sposi, morti lo stesso giorno.

Sposi muoiono insieme dopo 60 anni di matrimonio

Olga e Vincenzo erano due coniugi spostati da più di 60 anni. Ma il Coronavirus non li ha separati, nemmeno nel giorno della morte.

Covid: Olga e Vincenzo, sposi da 60 anni

Un amore durato per più di 60 anni che nemmeno il Coronavirus ha spezzato o rotto. Quella che ci apprestiamo a raccontare è la storia di Olga e Vincenzo, una vita intera passata insieme e, sempre, insieme, hanno intrapreso il loro ultimo viaggio, morendo a poche ore di distanza l’uno dall’altro.

Sono morti a distanza di un’ora l’uno dall’altro. “Non uscivano, erano molto prudenti, solo il nonno andava a far la spesa e in farmacia, purtroppo si sono ammalati. Avevano festeggiato i 63 anni di matrimonio il 26 settembre ed erano sempre insieme.

Porterò con me il ricordo della nonna, pugliese, mentre preparava a mano le orecchiette e il nonno accanto a lei che le prendeva una ad una per aiutarla” – ricorda, con commozione, una delle loro nipoti.

Amore anziani serenata
photo web source

La febbre, il ricovero in ospedale e la diagnosi di Covid

Lo scorso 11 novembre sono stati ricoverati all’ospedale “San Gerardo” di Monza, dopo circa 10 giorni di malattia affrontata a casa: “È stato il nonno a manifestare i primi sintomi, e poi anche la nonna. Nonostante la febbre alta, per oltre una settimana il medico non è mai uscito a visitarli, gli ha dato un antibiotico dicendo che era influenza e invece era Covid-19” – ha continuato la nipote, nel suo racconto.

Poi la saturazione che scende sempre di più e l’arrivo dell’ambulanza che li ha portati in ospedale. “Non erano nella stessa camera ma nonna Olga, le cui condizioni erano meno gravi, aveva chiesto di poter tenere nella stanza una giacca di nonno Vincenzo, per sentirlo vicino” – ha concluso la nipote.

Photo web source

Olga e Vincenzo: morti ad un’ora di distanza

Così, anche se lontani solo qualche stanza di ospedale, sono morti domenica 14, Olga prima e il suo Vincenzo dopo un’ora.

Un amore portato avanti, come dice la formula, “nella buona e nella cattiva sorte, in salute e in malattia”. Un amore portato avanti anche oltre la morte, nel loro ultimo viaggio insieme.

Fonte: ansa.it

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]