Strage al concerto: morti tra cui bambini | Testimonianza shock: “Lì c’era il demonio”

Una vera e propria tragedia al concerto del rapper, dove hanno perso la vita otto persone tra cui un bambini di appena 10 anni ma il bollettino potrebbe essere ancora peggiore.

Sconvolge la testimonianza di un giovane che afferma di avere visto il demonio in quel luogo.

Il trapper Travis Scott – photo web source

In centinaia sono rimasti feriti, e ben undici persone sono state ricoverate in ospedale in arresto cardiaco, come hanno reso noto i vigili del fuoco. Tutto è cominciato dopo che la folla ha iniziato a oltrepassare le recinzioni per raggiungere il palco.

Il dramma al concerto del trapper

Molte persone sono infatti rimaste letteralmente schiacciate contro le transenne, per una tragedia che ricorda quella avvenuta in Italia, a Corinaldo, al concerto del rapper Sfera Ebbasta. In questo caso il dramma è avvenuto a Houston, al concerto del famoso trapper Travis Scott, nell’ambito di un più ampio festival musicale. Ad ora si contano otto morti, undici persone in rianimazione e centinaia di feriti. Tra i decessi, un bimbo di dieci anni, Thomas Drought.

Al concerto, svoltosi nell’ambito di un festival musicale chiamato Astroworld,  c’erano circa cinquantamila persone. Il giudice della contea Lina Hidalgo ha parlato di una “notte estremamente tragica”, spiegando che “i nostri cuori sono spezzati, le persone vanno a questi eventi solo per divertirsi e rilassarsi”.

“La folla ha iniziato a comprimersi verso la parte anteriore del palco e la gente si è fatta prendere dal panico”, è il racconto del capo dei vigili del fuoco Samuel Peña. Quando hanno iniziato a esserci i primi feriti, la situazione è degenerata. Ciò che sconvolge più di ogni altra cosa sono le immagini che mostrano gli operatori di sicurezza fare il massaggio cardiaco ad alcuni giovani svenuti a terra, in fin di vita, mentre intorno tutti gli altri continuano a ballare come se nulla fosse.

Lo stesso continuava a fare il rapper, nonostante al termine del concerto c’è chi prova a spiegare che il musicista si sarebbe fermato “diverse volte”. Ora Scott si dice “devastato” per quanto successo. Eppure le immagini che circolano in queste ore sono molto più eloquenti di qualsiasi parola e fanno discutere, mostrando un clima di noncuranza generale da fare rabbrividire.

Il bambino deceduto nella calca Thomas Drought – photo web source

La testimonianza che sconvolge: “Sembrava di essere all’inferno”

In queste ore stanno girando anche testimonianze che mostrano il male indicibile che si è vissuto all’interno di questo concerto, con rimandi dal palco, peraltro, di sapore demoniaco. Come noto, il mondo della musica trap negli Stati Uniti, e non solo, sta purtroppo prendendo una piega per niente edificante. Molti i cantanti che inviano messaggi satanici nelle proprie canzoni, come ad esempio accaduto con il caso del videoclip di Montero “Call Me by Your Name”, che pare essere un vero e proprio inneggiamento a satana.

LEGGI ANCHE: Una nota azienda lancia le “scarpe di satana” sul mercato

Mentre è in corso il dramma, infatti, tutti sono rivolti verso il palco su cui si ergono fiamme infernali. Un giovane, sconvolto, descrive tutto questo spiegando che “sembrava di essere dentro un inferno. C’erano probabilmente 10 persone morte disposte a terra. Sembrava di essere ad un concerto all’inferno. Non riuscivi a respirare. Non si vedeva nulla, non potete immaginare tutte le persone che c’erano stanotte. Era impossibile capire qualcosa lì dentro. Nessuno poteva vedere né sentire… nel mentre c’era gente che moriva”.

Il giovane, letteralmente scosso dall’accaduto che ha visto con i suoi occhi, continua nella sua testimonianza. “Ognuno si preoccupava solo di mettere in salvo sé stesso. Questo per la durata di tutto il f****o concerto”. “Non sto scherzando….”, continua. “Nella sezione Vip c’erano tantissimi corpi disposti a terra. La gente veniva tirata fuori dalla folla dopo che era svenuta a terra. Il personale cercava di rianimarle con il massaggio cardiaco. Ma tutti si ammassavano sulle persone a terra, uno sopra l’altro, e diventavano nero e blu, in fin di vita”.

“Dio mi ha mostrato davvero tutto questo per ciò che è realmente”

Quello che è successo, spiega il giovane, “mi ha davvero sconvolto e spaventato stanotte. Era come una m***a demoniaca. La cosa davvero folle è che le persone urlavano e cercavano aiuto e cercavano di farlo capire a Travis. Tutti gridavano “aiuto, aiuto” per fermare tutto quello che stava succedendo. Ma lui ha continuato ad andare avanti. Faceva paura. Sembrava indemoniato”.

photo web source

“Tenete a mente che io sono stato pesantemente influenzato dalla musica di Travis”, conclude il ragazzo. “Ma dopo stasera Dio mi ha mostrato davvero tutta questa m***a per quello che è realmente“.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da TRAP ITALY (@trapitaly)

LEGGI ANCHE: Gioele e la musica “hard-style” suonata da Viviana, strumento del demonio

Infine un messaggio: “Stai lontano da m***a come quella, non è per te. Stanotte ha sacrificato la vita di così tante persone. Davvero, troppe persone sono morte stanotte. Era un f****o inferno vivente. Immagina di vedere tutti quei cadaveri. E questo è solo quello che ho visto io”.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it