Santuario Madonna della Neve di Adro: dove Maria mise in guardia i peccatori

Il Santuario della Madonna della Neve venne costruito dopo il prodigio che coinvolse un uomo del posto, e in cui la Madonna lasciò un netto avviso. 

Santuario Madonna della Neve di Adro
Santuario Madonna della Neve di Adro – photo web source

Il santuario si trova ad Auro, frazione di Casto, in provincia di Brescia, ed è stato costruito intorno alla metà del Cinquecento in onore dell’apparizione mariana avvenuta a un pastorello sordomuto dalla nascita, Battista Comino Bajoni, l’8 giugno 1519.

La costruzione che ebbe inizio in seguito al prodigio

Venne poi restaurato e abbellito intorno al Settecento, e ancora oggi all’interno dello stesso vi si conserva l’opera “Sant’Antonio Abate” del Moretto, al terzo altare destro, e due organi settecenteschi inseriti in elaborate ancone lignee.

La costruzione iniziò non molto tempo dopo l’evento miracoloso, e gli abitanti di Adro subito diedero credito al pastorello recante il messaggio della Madonna. L’uomo era infatti sordomuto dalla nascita, ma dopo la visita della Vergine riacquistò subito vista e udito.

La delibera per costruire il santuario, proprio come aveva chiesto Maria

Tutti avevano ben presente al disabilità del ragazzo, e il fatto che adesso parlava e sentiva correttamente fece subito comprendere a tutti che ci si trovava di fronte a un evento del tutto miracoloso. 

Proprio come aveva domandato Maria, subito si deliberò per la costruzione del santuario nel luogo dell’apparizione. La Madonna chiese anche la conversione dei peccatori spiegando che altrimenti sarebbero incorsi a un duro castigo. Solamente un anno dopo, nel 1520, la chiesa era praticamente già una realtà.

L’abbellimento dell’edificio con nuove decorazione nel Settecento

In seguito l’edificio venne abbellito di nuove decorazioni, in particolare nel Settecento, epoca in cui vennero eseguiti gli stucchi ancora oggi presenti all’interno e in cui vennero inoltre installati i due organi.

All’esterno, il santuario appare in maniera molto semplice, con una facciata a capanna, mentre sul retro si eleva un piccolo campanile. L’interno invece si presenta a navata unica coperta da volta a botte, con tre cappelle per lato.

L’interno e l’esterno del santuario della Madonna della Neve di Adro

La volta è ricoperta da elaborate cornici in stucco contenenti affreschi, mentre il muro di controfacciata e la seconda cappella destra sono occupate dalle due grandi ancone lignee degli organi, realizzate nel Settecento.

LEGGI ANCHE: Santuario Madonna del Prà di Feglino: la cappella sul luogo dell’apparizione

Nel terzo altare destro si trova il Sant’Antonio Abate del Moretto, eseguito dopo il 1530. Si tratta di un’opera di di notevole pregio artistico e collocabile all’apice della produzione del pittore, definita l’archetipo della pittura seicentesca bresciana, ricca di movimenti, contrasti, volumi poderosi e segni violenti.

La visita al santuario da parte di San Carlo Borromeo nel 1581

Il santuario fu visitato da San Carlo Borromeo nel 1581, e l’affluenza dei pellegrini crebbe continuamente, rendendolo troppo piccolo nel tempo. Così nel 1750 fu demolito per far posto a quello attuale, costruito su disegno dell’architetto Gaspare Turbini e inaugurato nel 1776.

LEGGI ANCHE: Stele Madonna della Lettera: il Papa la benedì da Castel Gandolfo

Ancora oggi il santuario è ben funzionante e vi si organizza annualmente una “settimana mariana” con incontri di preghiera e cerimonie.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]