La statua della Madonna lacrima in casa della veggente

Sono vere lacrime quelle che Paola Albertini afferma di aver visto scendere dagli occhi delle statue della Vergine? 

Paola e la statua della Madonnina
Paola e la statua della Madonnina – photo: ilgazzettino.it

Anche alcune immagini riprese, mostrano un liquido che scende dagli occhi di una delle statue della Madonna a casa di Paola Albertini, veggente della provincia di Treviso. La Diocesi ha aperto un’indagine sull’accaduto.

Pederobba: lacrimano alcune statue

La statua della Madonna avrebbe lacrimato e, una di queste lacrime, una volta giunta in mano, si sarebbe trasformata in sangue. A raccontare la vicenda è Paola Albertini, veggente di Pederobba, in provincia di Treviso.

La veggente Paola: “Vi racconto cosa ho visto”

La donna afferma di vedere e ascoltare la Vergine ogni giorno e ha, anche raccontato chiaramente il fenomeno della quale è stata protagonista: “Ho visto ai lati degli occhi delle statue un luccichio. Mi sono avvicinata e ho notato che si trattava di una lacrima. Quando ho toccato la goccia, subito si è trasformata in sangue”.

Statua della Madonna che lacrima
photo web source

Paola ha, nella sua camera da letto, ben 5 statue della Madonna e, su tutte, si è verificato l’episodio delle lacrime vicino agli occhi. E’ rimasta a guardare, per ore il fenomeno, avvenuto poco prima della mezzanotte di sabato scorso, prima di segnalare e raccontare ciò che aveva visto alla sua ex guida spirituale, un sacerdote dell’alta padovana.

La posizione della Diocesi

La Diocesi ha aperto un’indagine e sta verificando l’episodio. Al momento, non scarta che si possa trattare di un fatto prodigioso.

Fonte: oggitreviso

LEGGI ANCHE: Lacrima statua della Madonna Addolorata: si grida al miracolo! – VIDEO

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]