San Michele Arcangelo è Patrono della Polizia di Stato

San Michele ArcangeloSan Michele Arcangelo è un combattente, così come viene rappresentato dall’iconografia orientale ed occidentale.
Del resto, lo sappiamo bene, il suo nome in ebraico è Mi – ka – el, che tradotto vuol dire “Chi come Dio”, il grido di battaglia che usò per innalzare la sua arma, la sua spada, contro Lucifero e gli altri Angeli ribelli, che diedero inizio, con le loro perverse intenzioni, alla “storia del Male”.

In ogni rappresentazione, la spada di San Michele Arcangelo punta sempre al demonio, che lui schiaccia sotto i suoi piedi santi, per tenerlo a bada.
Nel Libro dell’ Apocalisse si legge: “Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu più posto per essi in cielo. (…) Allora udii una gran voce nel cielo che diceva: “Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio”.”.

San Michele Arcangelo, dunque, è -e sarà- vittorioso contro il Male del mondo, quello che arriva ad ogni persona attraverso le vicende quotidiane.
Per questo motivo è stato anche adottato come Patrono e protettore della Polizia di Stato, nominato tale da Papa Pio XII, il 29 Settembre del 1949, perché ogni Poliziotto combatta, tutti i giorni, per garantire l’incolumità e la difesa di tutti i cittadini.

In Italia, San Michele Arcangelo è ricordato come Santo Patrono in più di 60 città, tra cui Caserta, Cuneo, Alghero, Albenga e Vasto.
San Michele Arcangelo è protettore anche dei farmacisti, dei commercianti, dei fabbricanti di bilance, dei giudici, dei maestri di scherma, dei radiologi e dei paracadutisti.

La preghiera del Poliziotto

Oh! San Michele Arcangelo, nostro celeste Patrono, che hai vinto gli spiriti ribelli – nemici della Verità e della Giustizia – rendi forti e generosi, nella reverenza e nell’adesione alla Legge del Signore, quanti la Patria ha chiamato ad assicurare tra i suoi cittadini concordia, onestà e pace affinché – nel rispetto di ogni legge – sia alimentato lo spirito di umana fraternità.

Per questo, imploriamo dal tuo patrocinio rettitudine alle nostre menti, vigore ai nostri voleri, onestà agli affetti nostri, per la serenità delle nostre case, per la dignità della nostra terra!
Amen.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI