Pedofilia, “esperimento Kentler”: il collasso spirituale di cui parlò Ratzinger

L’inquietante rapporto sullo scandalo pedofilia in Germania, che dà ragione a Ratzinger: dalla fine degli anni sessanta è nata una voragine sessuale e morale.

Papa Ratzinger - Esperimento Kentler

Gli esperti tedeschi hanno infatti scoperchiato quello che è stato definito “esperimento Kentler”: numerosi adolescenti senzatetto sono stati abusati dal 1969 al 2003, per applicare la teoria del sessuologo e professore universitario Helmut Kentler.

Il raccapricciante esperimento del sessuologo Kentler

La senatrice del consiglio di Berlino che si sta occupando del caso li ha definiti “crimini difficili da immaginare”. Per decenni abusi atroci si sono compiuti con il benestare delle istituzioni governative tedesche.

Il numero preciso degli adolescenti che sono stati abusati non è noto. Ma di fatto ciò che emerge dall’inchiesta è che questi venissero affidati senza remore a persone già condannate per pedofilia, che però venivano considerati “perfetti genitori affidatari”.

kentler
Il sessuologo e professore universitario Helmut Kentler, che teorizzava “l’emancipazione sessuale dei bambini”, portò all’affidamento di bambini senza tetto a pedofili, che continuarono ad abusare di loro – sourceweb

Lo scandalo di Bibbiano e le parole di Ratzinger

Una situazione che per certi aspetti ricorda lo scandalo italiano di Bibbiano. E che dà conferma alle parole che Joseph Ratzinger nel 2019 ha affidato ad un periodico bavarese, Klerusblatt. Il Papa emerito, infatti, spiegò che la “rivoluzione” sessuale del ’68 ha prodotto un abisso di perversione morale dietro cui si cela un aspetto demoniaco della nostra società contemporanea.

“Tra le libertà che la Rivoluzione del 1968 voleva conquistare c’era anche la completa libertà sessuale, che non tollerava più alcuna norma”, scriveva Ratzinger, di cui ora comprendiamo ancora meglio le parole, ancora una volta puntuali e profetiche.

Ratzinger: collasso spirituale legato a una propensione alla violenza

Un “collasso spirituale” strettamente legato alla ”propensione alla violenza” e della cui fisionomia “fa parte anche il fatto che la pedofilia sia stata diagnosticata come permessa e conveniente”, ha spiegato il Papa emerito.

Benedetto XVI
In una lettera inviata a un quotidiano tedesco, Ratzinger parlò di un “collasso spirituale” strettamente legato alla ”propensione alla violenza” e della cui fisionomia “fa parte anche il fatto che la pedofilia sia stata diagnosticata come permessa e conveniente”(websource)

“Oggi è possibile prender atto, con lealtà e sincerità, che le tragedie tratteggiate da Papa Benedetto XVI hanno trovato tragica conferma nei fatti e nei crimini commessi o, nascosti per compiacenza, dalle classi dirigenti dei più grandi paesi occidentali. Le critiche feroci e ignoranti, di ieri e di oggi, contro Papa Benedetto XVI sono colpevoli”, scrive il quotidiano online La Nuova Bussola Quotidiana.

Il sessuologo che sosteneva “l’emancipazione sessuale dei bambini”

Tutto ciò accadeva per via dell’accredito conferito al sessuologo e professore universitario Helmut Kentler. Questi, accanito sostenitore di una “emancipazione dell’educazione sessuale”, asseriva nientemeno che “il contatto sessuale tra bambini e adulti non sia dannoso”. E che i bambini “sono esseri sessuali che hanno il diritto di esprimere la loro sessualità”, scrive il Corriere della Sera.

“Come se dover sottostare agli abusi di un adulto da cui dipendevano potesse mai essere un’espressione dei loro liberi desideri”, aggiunge, a ragione, il quotidiano. Anche qui, purtroppo teorie di questo tipo sono state diffuse anche da personaggi italiani oggi presi a icone e modelli dal mondo Lgbt.

kentler
Il sessuologo e professore universitario Helmut Kentler – sourceweb

Le teorie raccapriccianti di Kentler

Teorie raccapriccianti che dovrebbero essere considerate per ciò che sono, crimini contro minori indifesi e inconsapevoli, e che quindi andrebbero puniti con la massima severita, aggravata dall’intenzionalità. Addirittura, dalla costruzione teorica di una presunta bontà di certi comportamenti gravissimi.

Soltanto nel 2016 l’amministrazione del Senato di Berlino per l’istruzione, la gioventù e la famiglia si è occupata della questione, commissionando una una perizia all’Istituto per la ricerca sulla democrazia di Gottinga. In seguito, un gruppo di ricerca dell’Università di Hildesheim ha ricostruito gli abusi.

Una rete che “attraversava le istituzioni educative scientifiche”

Dall’inchiesta è emerso che esisteva una vera e propria rete che “attraversava le istituzioni educative scientifiche, soprattutto negli anni ‘60 e ‘70, e l’amministrazione del Senato (l’Ufficio statale per l’assistenza ai giovani) fino ai singoli uffici distrettuali per l’assistenza ai giovani di Berlino, in cui le posizioni pedofile erano accettate, sostenute e difese”.

pedofila

Il professore Kentler era infatti uomo rispettato e riverito ovunque. Ma proprio in virtù di questo, ha spiegato la senatrice di Berlino responsabile per l’istruzione Sandra Scheeres, ha anche “incoraggiato e anche sostenuto gli abusi sessuali e il maltrattamento dei bambini”.

La senatrice tedesca: le autorità hanno fallito

La senatrice della Spd si è scusata con le le vittime a nome del Land. Affermando che “le autorità hanno fallito“, e promettendo adeguati risarcimenti di danni. Nonostante, per legge, i reati siano prescritti.

Di fatto resta la presa di coscienza verso costruzioni teoriche astratte abominevoli e anti-umane. Un insegnamento per tutto ciò che viene ancora oggi tentato di diffondere come frutto della libertà di coscienza e dei diritti all’emancipazione. Dietro cui si cela spregio dell’umanità, con la mano complice del demonio.

“Kentler era un procacciatore di bambini per i pedofili”

“Oggi è chiaro che Kentler era nientemeno che un procacciatore di bambini per i pedofili. Ma per molto tempo è stato a lungo considerato un visionario e uno dei più importanti sessuologi tedeschi”, ha spiegato l’emittente televisiva Deutsche Welle. “I suoi libri sull’educazione vendevano bene, ed era un esperto popolare e un commentatore alla radio e alla TV”.

Kentler morì nel 2008. Le autorità non lo processarono mai per le sue azioni. Negli anni sessanta e settanta ha guidato il dipartimento del Centro pedagogico di Berlino. Fu poi professore di pedagogia sociale all’Università tecnica di Hannover.

La sua influenza usata per collocare i bambini con i pedofili

Tutto ciò gli ha permesso di usare la sua “influenza per collocare i bambini con pedofili nelle case famiglia, negli istituti di assistenza ai giovani o nei collegi della Germania occidentale”.

“Gli adolescenti problematici affidati ai pedofili si sarebbero integrati nella società più facilmente, perché solo i padri adottivi pedofili potevano sopportare e amare questi bambini e adolescenti privi di senno”, veniva affermato nella sua logica perversa e criminale.

Diavolo Gesù ratzinger
Diavolo (websource)

Questi pedofili da lui individuati, con precedenti acclarati di abusi sessuali, hanno così continuato fino agli anni 2000 a ricevere bambini in affidamento. Questi affidatari pedofili erano, per la maggior parte, individui altolocati, quindi in ogni caso ben protetti. Da una classe dirigente che, in molti e importanti paesi europei, si è resa complice di questo scempio demoniaco.

Giovanni Bernardi

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]