Nadia Toffa: ‘Le Iene’ la ricordano così, sempre nei nostri cuori

Oggi è il primo anniversario della scomparsa di Nadia Toffa: la iena è deceduta il 13 agosto del 2019 dopo un lunga malattia.

Le Iene la ricordano oggi con uno speciale a lei dedicato: un collage di immagini, servizi, interviste e ricordi creato dal “papà” della trasmissione Davide Parenti.

Nadia Toffa: un anno dopo la scomparsa ancora una mare d’affetto

Tra il 2018 ed il 2019 abbiamo assistito ad un fenomeno social positivo e differente dal solito. La giornalista bresciana Nadia Toffa scopre di avere un tumore e lo comunica ai fan, da quel giorno milioni di persone le condividono il proprio affetto sul web. Un mare d’affetto che nemmeno la giornalista sospettava di poter ricevere. Dedita al lavoro e di indole mite, Nadia Toffa non rappresentava i canoni della diva, ma proprio quella sua attitudine alla riservatezza e alla concretezza aveva conquistato il cuore degli italiani.

Leggi anche ->Don Patriciello: “Nadia Toffa? Spero di aver dato conforto ai genitori”

In tanti hanno sperato sino all’ultimo che potesse guarire e che potesse continuare il suo eccellente lavoro giornalistico, lavoro per cui aveva ricevuto dei riconoscimenti professionali. In tanti ricordano l’inchiesta sull’Ilva di Taranto e quella sulla Terra dei Fuochi. Purtroppo, però, Nadia non ce l’ha fatta ed il 12 agosto del 2019 è volata in cielo. Amici, colleghi, semplici conoscenti e sconosciuti hanno condiviso per giorni il proprio ricordo ed il proprio cordoglio per la scomparsa della Iena. Una testimonianza dell’importanza che la Toffa aveva avuto in quegli anni per tantissime persone.

Leggi anche ->Nadia Toffa: “Ci manchi”. Il ricordo delle Iene nel suo compleanno

Il ricordo de Le Iene

I suoi colleghi de ‘Le Iene’ in questa prima stagione senza di lei hanno fatto di tutto per ricordarla. La prima puntata è stata interamente dedicata a lei e per l’occasione tutti coloro che hanno fatto parte del programma in passato hanno rimesso gli abiti da “Iena” e si sono presentati in studio. Nelle puntate successive sono stati mandati in onda filmati inediti ed altri ricordi e il 10 giugno, giorno del suo compleanno, è stato condiviso un messaggio speciale.

Questa sera, un anno dopo la sua morte, andrà in onda una puntata speciale de ‘Le Iene’. Si tratta di un insieme di filmati inediti, immagini di repertorio, servizi ed interviste con le quali si vuole far capire che Nadia Toffa è ancora presente per tutti loro. Nel presentare questo speciale, l’autore del programma, Davide Parenti, ha voluto condividere con ‘Il Fatto Quotidiano’ il suo primo incontro con Nadia:

“La mandai via perché quando arrivò nel 2008, eravamo in piena recessione e sulle produzioni televisive iniziarono grandi tagli. Lei aveva un piccolo stipendio (da un emittente locale di Brescia) e avrebbe ‘provato’ alle Iene senza nessuna certezza di farcela. Non mi sembrava una grande idea. Mi disse che aveva una Panda a metano e 5.000 euro da parte e che con quella cifra sarebbe potuta sopravvivere un anno e mezzo. Così determinata non poteva non farcela”.

Il brano inedito

Nadia conduttrice delle Iene e la sua incredibile testimonianza
Photo web source

Un ulteriore omaggio per Nadia giunge oggi dalla madre, Margherita Rebuffoni, che oggi ha comunicato nella pagina Facebook dell’associazione a lei intitolata una novità. E’ stato pubblicato un brano inedito che la Toffa aveva scritto tanto tempo prima e che s’intitola ‘La donna altalena’. Lo aveva preannunciato la signora in un’intervista concessa al ‘Giornale di Brescia’ tempo prima: “A marzo di un anno fa Nadia aveva inciso una canzone a Milano e abbiamo deciso che è finalmente arrivato il momento di diffonderla e così faremo. Il 13 agosto nel giorno del primo anniversario della morte la canzone sarà pubblica”.

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]