Follia in Zona Rossa: colto da malore viene multato e rispedito a casa

A Francavilla succede l’impensabile. Un uomo si sta recando di corsa in ospedale, di notte, per ricevere cure di emergenza. I carabinieri lo bloccano, poi la multa.

Malore multa
photo web source

Insomma, invece che aiutarlo, gli infliggono una multa di ben 500 euro per avere violato il coprifuoco notturno. Questa è la tragica situazione delle forze dell’ordine in Italia, purtoppo, all’epoca del Coronavirus.

La denuncia dell’uomo che invece di essere aiutato ha avuto la multa

La denuncia è stata resa nota dall’uomo, con una lettera inviata alla redazione di Brindisi del quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno. “Vorrei porre all’attenzione della comunità un fatto assurdo accadutomi nella notte dell’11 novembre”, scrive Angelo Micocci nella lettera, con allegato la fotocopia del verbale.

Micocci ha spiegato che presto andrà a fare ricorso. “Premetto che, da meno di un mese, sono seguito dal medico curante e dal cardiologo in quanto combatto con la trombocitosi e l’ipertensione conseguenti ad una ischemia risalente al mese di agosto; per questo sono in malattia dal lavoro dal mese di settembre”.

Il verbale che i carabinieri hanno inflitto all’uomo – photo web source

Nella notte l’uomo accusa un male. Fermato e fatto tornare a casa

L’uomo intorno all’una di notte accusa un attacco di ipertensione e sospetta fibrillazione. Così di tutta corsa si reca in auto al pronto soccorso di Francavilla. “Non chiamo il 118 per non spaventare i miei figli minori, il condominio e per non intralciare il lavoro dei soccorritori in questo delicato periodo“, racconta.

A un certo punto, però, giusto a pochi metri dalla sua abitazione, l’uomo viene fermato da una pattuglia dei carabinieri. Questi, una volta appurata la situazione, invece di venire incontro all’uomo e comprendere la ragione per cui era appena uscito di casa, lo bloccano. A quel punto all’uomo viene impedito di procedere.

photo web source

I carabinieri stendono un verbale da 500 euro. La rabbia dell’uomo

Accertando i documenti di circolazione, i carabinieri stendono un un verbale di oltre 500 euro. Il motivo? Non avere rispettato il coprifuoco. In sostanza, le spiegazioni dell’uomo non sono valse a nulla. E non lo è valso nemmeno il suo stato evidente di preoccupazione, oltre che il suo stato di salute più che aggravato.

“A nulla sono valse le spiegazioni sul mio stato di salute e il mio, evidente e aggravato dalle circostanze, stato di preoccupazione”, testimonia l’uomo. “Su mia insistenza e dopo avermi consegnato il verbale l’agente chiama il 118 e mi ordina di tornare a casa”.

photo web source

La delusione quindi è tanta. “Fino ad oggi io ho sempre creduto che le forze dell’ordine rappresentassero un supporto al cittadino e non un ostacolo alla salute delle persone”, conclude l’uomo. “Sto procedendo a fare ricorso”

Giovanni Bernardi

Fonte: lagazzettadelmezzogiorno.it

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]