Il Ruolo della Madonna negli Esorcismi. (Video)

12234937_1060561727317263_3628316915924946874_n

Il demonio parla della Madonna in un esorcismo di Padre Francesco Bamonte:

Voi pensate che sia lassù, ma Lei non sta lassù. Lei vi sta vicino; bastardi, bastardi, che avete fatto per averla così vicina, eh? E quando morite, Lei è là, Lei è là (lo ripete con rabbia) e aspetta un vostro pensiero, un vostro palpito del cuore per il bene, una vostra chiamata a Quello (a Gesù) e Lei è là, Lei è là che vi aspetta con il cuore aperto di madre! Tu sai che cos’è una madre, eh? Una madre guarda teneramente tutti i figli, insegna loro il bene, li richiama al bene e piange, e piange se il figlio, il figlio, il figlio non l’ascolta, perchè sa che io, io lo prenderò, se non l’ascolta io lo prenderò! (‘La Vergine Maria e il diavolo negli esorcismi’, Francesco Bamonte).
E in un esorcismo compiuto da padre Amorth afferma:

Padre Amorth: “Quali sono le virtù della Madonna che più ti fanno rabbia?

Demonio: “Mi fa rabbia perchè è la più umile di tutte le creature e io sono il più superbo; perchè è la più pura di tutte le creature e io non lo sono, perchè è la più ubbidiente a Dio di tutte le creature e io sono il ribelle!

Padre Amorth: “Dimmi la quarta qualità per cui hai tanta paura della Madonna che ti spaventi di più quando nomino la Madonna che quando nomino Gesù Cristo!”

Demonio: “Ho più paura quando nomini la Madonna perchè sono più umiliato ad essere vinto da una semplice creatura anzichè da Lui…”

Padre Amorth: “Dimmi la quarta qualità della Madonna che ti fa più rabbia!”

Demonio: “Perchè Mi vince sempre, perche’ non è mai stata sfiorata da alcuna colpa di peccato!”

«Durante un esorcismo, attraverso la persona posseduta, Satana mi ha detto: Ogni Ave Maria del Rosario, è per me una mazzata in testa; se i cristiani conoscessero la potenza del Rosario, per me sarebbe finita!» (Don Gabriele Amorth)

Il maligno infatti è soprattutto nemico di Dio e di quanto mette in contatto i fedeli con l’agire salvifico di Dio e quindi anche con la Vergine Maria. Qualche volta il diavolo lo dice, quando insieme all’esorcista ci sono coloro che lo accompagnano e pregano per aiutare a liberare il posseduto, “il rosario maledetto ..quella è una catena che mi avvolge e mi imprigiona … gettatolo via” . Capite che potere ha il Rosario?! Io l’ho scoperto qui, certo il Rosario l’ho detto sempre, ma qui ho scoperto quale forza può avere. Perciò quando mi trovo in situazione di difficoltà e di conflittualità, non solo mie ma anche di persone che si affidano alla direzione spirituale, io vedo che quando prendo il rosario in mano mantengo la lucidità, non solo ritrovo la forza di non disperare, ma soprattutto trovo la luce per risolvere anche casi piuttosto pesanti. Il diavolo odia il Rosario per la ragione che ha una forza potente come anche odia l’eucaristia. Credo che Gesù ci ha dato due mezzi per aiutarci: Maria e l’Eucaristia. Le testimonianze che riporto in questo volume dimostrano come il demonio teme un’autentica devozione alla Madonna, perché per mezzo di essa la Vergine Maria trova la strada aperta per agire come vuole in nostro favore portando in noi in abbondanza la grazia redentrice di Cristo e abbattendo i piani di satana. In particolare temono la massima espressione dell’autentica devozione alla madonna che consiste nel dono totale di noi stessi a Maria insieme al nostro crescente atto di abbandono e di fiducia nei confronti di questa Mamma. La potenza di questo affidamento contro il mondo demoniaco è grande se è costantemente vissuto da noi, basta pensare che durante gli esorcismi il solo dire: Maria noi ti consacriamo questo nostro fratello o questa nostra sorella oppressa da satana, o Maria ci consacriamo al tuo cuore immacolato oppure ancora Maria io mi consacro al tuo cuore immacolato, provoca le reazioni furibonde dei demoni . Il nostro legarci a lei, il nostro impegnarci a vivere in questo modo, fanno loro perdere il potere e forza su di noi e sugli altri e sulla società.

..estratto da:
La Vergine Maria e il diavolo negli esorcismi
di P.Francesco Bamonte
Prefazione di Don Renzo Lavatori