Giovane viene operata per tumore, al risveglio trova la sorpresa più bella

Una brutta malattia sembra spegnere il suo desidero più grande, ma con stupore invece, si ritrova il suo tesoro tra le braccia. 

neonata in culla
photo web source

Una bellissima storia è quella che stiamo per raccontarvi. Lei è Stefania e deve operarsi urgentemente perché ha un tumore. La donna è incita ed ecco che, proprio al suo risveglio, le viene messa accanto la sua “sorpresa” più grande.

Stefania e la difficile operazione

Ha solo 31 anni, originaria dell’Emilia Romagna, è una mamma in attesa e con tanta voglia di vivere e di crescere insieme alla sua bambina che di lì a poco nascerà. Ma un tumore sembra fermare ogni suo piano, ogni sua idea di vita felice: tutto il mondo sembra crollarle addosso. Stefania deve subire un’operazione neurologica d’urgenza: ma cosa succederà alla sua bambina?

Stefania è alla 35esima settimana di gravidanza quando arriva all’Ospedale di Torino, per questa operazione. Le devono asportare un piccolo tumore benigno, ma allo stesso tempo, anche un’altra operazione è da farsi: quella del parto cesareo.

La diagnosi di un piccolo tumore benigno

La giovane mamma era ricoverata all’ospedale ginecologico Sant’Anna. I vari esami hanno portato alla scoperta che la donna aveva, nella scatola cranica, un piccolo tumore benigno che le comprimeva i nervi ottici. Il neurochirurgo che seguiva Stefania ha deciso di intervenire d’urgenza, operandola. Per evitare ripercussioni gravi, sia sulla donna che sul nascituro, la decisione di fissare i due interventi, uno dopo l’altro.

Il parto cesareo prima, e l’operazione neurochirurgica dopo. Cinque dipartimenti e due ospedali di Torino hanno lavorato uniti e in sinergia, per far sì che mamma e bimba non avessero complicazioni. Finita l’operazione, e al momento del suo risveglio, la sorpresa per Stefania: accanto a sé aveva la sua bambina, perfettamente in salute e nata poco prima.

LEGGI ANCHE: Il Papa battezza le gemelline siamesi separate a Roma

La nascita della piccola Beatrice

Nonostante la sua prematura nascita, la piccola Beatrice sta bene. “Io e mio marito siamo felici. Ringrazio tutti per averci salvati, siamo veramente grati. Da un occhio non ci vedevo ormai praticamente più, ma quando mi sono risvegliata dall’intervento la vista si era già normalizzata. Così ho potuto vedere le foto e i video di Beatrice, in attesa di andare presto ad abbracciarla” – ha dichiarato all’Ansa, Stefania, felice che il suo incubo sia finito nel migliore dei modi.

LEGGI ANCHE: “Padre Pio ha ascoltato le preghiere e ha guarito mio figlio”

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it