Il video che segue mostra un gruppo di femministe contro dei ragazzi cristiani – Video

Il video che segue mostra un gruppo di femministe contro dei ragazzi cristiani
Femministe vs cristiani

Il video che segue mostra un gruppo di femministe contro dei ragazzi cristiani ed è davvero sconcertante.
Non si comprende come delle donne possano arrivare a tanto, pretendendo che le loro insane idee sui diritti ancora da conquistare siano condivise da chiunque.
Nel video si vede l’esito di una manifestazione che ebbe luogo a Buenos Aires, qualche tempo fa.

Il gruppo delle femministe esibisce simulate di atti sessuali, mentre molte si denudano e sputano addosso ai ragazzi.
Questi, si sono stretti a formare una barriera umana, per proteggere l’ingresso alla Cattedrale di San Juan, punto centrale della protesta.
I ragazzi non mollano, restano indifferenti anche quando le donne colorano i loro volti e il corpo con simboli del nazismo: svastiche, baffi alla Hitler, ad esempio.
Loro restano uniti, mentre recitano il Santo Rosario.
In questo modo, gli atti vandalici e le scritte pro aborto, che le femministe aveva già perpetuate per tutta la città, nelle ore precedenti, non sono arrivate alla Cattedrale.

Le femministe urlavano: “Alla Chiesa Cattolica Apostolica Romana, che vuole infilarsi fra le nostre lenzuola, noi diciamo che vogliamo essere troie, travestiti e lesbiche. Aborto legale in tutti gli ospedali”.
Mentre la barriera umana si rafforzava all’esterno della Cattedrale, all’interno di essa ben 700 persone stavano in preghiera, insieme al loro Vescovo, Monsignor Alfonso Delgado, per cercare l’aiuto di Dio, nel contrastare quell’attacco.

Non riuscendo al oltrepassare la barriera, le femministe, poi, hanno riversato la loro furia su un’immagine di Papa Francesco, a cui hanno dato fuoco, mentre urlavano “Se il Papa fosse donna, l’aborto sarebbe legale”.
Quel giorno era il National Women’s Encounter, il meeting annuale delle femministe argentine, sponsorizzato dal Dipartimento della Cultura e ritenuto, addirittura, un evento di “interesse sociale”. Nulla però giustifica gli atti di “distruzione” contro le chiese e gli altri edifici, nulla spiega la violenza contro i cristiani, che, certamente, non hanno mai negato il rispetto per il gentil sesso.
Ma, in questo video, di gentil sesso non c’è proprio traccia alcuna.

Antonella Sanicanti