Elisa potrà salvarsi: Ecco la notizia che aspettavamo

Elisa potrà salvarsi finalmente trovato un donatore, dopo mesi di angoscia,

la piccola Elisa sui salverà trovato donatore
La piccola Elisa

Solo qualche mese fa -e di tempo ce ne era davvero poco- imperversavano in Web gli appelli di tanti, anche di personaggi illustri come Fiorello, Anastacia, Umberto Tozzi, Marco Masini.
Riguardavano la difficile situazione di Elisa, una bambina di soli 3 anni di Pordenone, affetta da una grave forma di leucemia infantile.
“Mi chiamo Pardini Fabio è questa dolce bambina di soli 3 anni che vedete è mia figlia. È gravemente ammalata di una leucemia rara che si chiama Leucemia Mielomonocitica infantile e l’unica cura per salvarla è il trapianto di midollo osseo”, aveva scritto il padre sulla pagina Facebook a lei dedicata.
Si cercava disperatamente un donatore di midollo osseo compatibile, altrimenti Elisa sarebbe morta!

La piccola si era ammalato pochi mesi prima e, dopo il quinto ciclo di chemioterapia sperimentale, seguita dal professor Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di onco-ematologia pediatrica e medicina trasfusionale del Bambino Gesù di Roma, non si vedeva alcun miglioramento.
Ma adesso, finalmente, per Elisa, si prospetta il trapianto tanto atteso, perché il donatore è stato trovato!
La ricerca è stata davvero estenuante e lunga, ha coinvolto tantissime persone che si sono recate, in questi ultimi mesi, in ospedale, per verificare la loro idoneità
Il donatore di midollo identificato è compatibile al 90%; “Non è un gemello genetico, come tutti speravamo, ma è un donatore compatibile circa al 90%. Attualmente la piccola si trova in una cameretta sterile e sta affrontando una chemio preparatoria che la porterà a breve verso il trapianto”, raccontano i genitori, che hanno così ritrovato la speranza, dopo un lungo periodo di angoscia.

Per Elisa, la compatibilità dei donatori, infatti, era bassissima, di uno su 100.000.
Ora, la pagina Web del caso è aggiornata con un post che rasserena un po’ tutti e da la forza necessaria per continuare a pregare, per Elisa e per tutti gli altri bambini malati come lei: “Il papà Fabio, la mamma Sabina e il team della pagina, ci tengono a voler ringraziare tutti. Grazie a tutti coloro che hanno diffuso il messaggio di speranza, a chi ha sostenuto la causa nelle proprie bacheche, a chi ogni giorno ci ha riempito di baci, coccole e frasi affettuose. Grazie a chi è andato a tipizzarsi facendoci capire che basta poco per aiutare, che basta poco per salvare una Vita. Grazie anche a chi non ha potuto donare con la goccina di sangue, ma che ha donato con la voce del cuore. Vi terremo aggiornati appena i genitori ci daranno ulteriori info. Adesso non resta che sperare e, per chi ha fede, pregare. FORZA ELISA … siamo tutti con te”.