Tragedia del mare a Crotone: “L’esplosione: qualcuno non ce l’ha fatta”

La tragedia, ieri, al largo delle coste calabresi. L’ennesima tragedia del mare che ha visto coinvolti sia i migranti che coloro che sono andati a soccorrerli.

tragedia
photo web source: tgcal24.it

La testimonianza di un agente della Guardia di Finanza accorso, insieme ad un suo collega, ad aiutare i migranti in difficoltà: “Tutto è esploso all’improvviso”.

Crotone: cosa è successo dopo l’esplosione in mare

Una tragedia del mare, un’esplosione che, forse, poteva essere evitata. Il tutto a largo delle coste calabresi, vicino Crotone. È successo ieri, ultima domenica di agosto: “Ero insieme all’appuntato scelto Maurizio, eravamo a bordo del veliero quando c’è stata un’esplosione a bordo, da cui si sono sviluppate le fiamme”. A testimoniare e a raccontare i momenti di panico è stato Antonio Frisella, finanziere rimasto ferito nell’esplosione.

“Una forte esplosione, poi tutti in mare” – racconta un finanziere

In un’intervista ad Adnkronos, il finanziere spiega cosa è realmente successo: “C’è stata un’esplosione a bordo. Dopo l’esplosione sono stato sbalzato all’indietro e mi sono buttato a mare. Abbiamo provato a salvare le persone. In mare abbiamo cercato di salvare qualcuno, c’era sul posto la nostra vedetta. Anche il nostro comandante si è buttato in mare“.

tragedia 1
photo web source: agi.it

Momenti di panico, ma anche la volontà di aiutare e salvare quante più persone possibile: “Parecchi migranti, quasi tutti, non sapevano nuotare. Infatti qualcuno ho provato a prenderlo anche con le ciambelle di salvataggio […] Ci chiamano eroi? Siamo esseri umani, lo siamo tutti. Siamo stati fortunati, molto fortunati […] Non mi sono mai, mai ritrovato in una situazione del genere. Ho fatto altri soccorsi, ma una situazione come questa mai” – ha continuato, nel suo racconto, il finanziere Frisella.

“Non si può morire così”

La paura, l’angoscia, le lacrime negli occhi di chi cercava di salvarli, ma anche di coloro che non ce l’hanno fatta: “Ho visto, anche, un ragazzo morire in acqua. Non si può morire così” – conclude, commosso, il finanziere.

Tragedie che non dovrebbero mai accadere, perché chi salpa verso un futuro migliore ha il diritto di farlo, e di sognare in grande. Preghiamo per tutti loro.

Fonte: adnkronos.com

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]