È confermato: Papa Francesco faccia a faccia con Orban

Molto presto l’incontro tra il Santo Padre e il primo ministro dell’Ungheria in occasione del Congresso Eucaristico Internazionale.

orban papa
Il premier ungherese Victor Orban stringe la mano a Papa Francesco – photo web source

Papa Francesco il prossimo 12 settembre si recherà a  Budapest per il 52.mo Congresso Eucaristico Internazionale. Il Pontefice sarà presente all’ultima giornata dell’evento, che si aprirà una settimana prima, vale a dire il 5 settembre. Francesco in sostanza limiterà la sua partecipazione a questo evento molto particolare e importante, dedicato alla Santa Eucarestia, solo alla Messa di chiusura, attualmente prevista alle ore 11,30.

Riprendono dopo lo stop per il Covid i viaggi del Papa

Riprendono quindi finalmente, dopo tanta attesa, i viaggi del Papa. Francesco fin dal primo giorno del suo Pontificato non ha mai nascosto la grande spinta a muoversi per il mondo, a incontrare le tante popolazioni di fedeli sparse per il Pianeta e in ogni Stato, e in questo atteggiamento di prossimità e di missione si incarna tutto il suo Pontificato, rivolto alla Chiesa in uscita che non ha paura di aprirsi al mondo.

In questo Francesco ricorda molto un Pontificato importante e profetico come quello di Paolo VI, ma certamente anche Giovanni Paolo II è stato un Papa che ha viaggiato molto, e da cui Bergoglio può trarre ispirazione per quanto riguarda l’energia che il Papa polacco riversava in ogni visita internazionale e sulle moltitudini di fedeli che lo aspettavano ovunque.

La sofferenza per il blocco delle Visite apostoliche internazionali

Tuttavia Francesco con lo scoppio della pandemia ha sofferto molto il blocco delle sue Visite apostoliche internazionali, il suo dovere vivere chiuso dentro la cittadella Stato di San Pietro, e non ha caso diversi analisti che hanno cercato di screditare la sua figura hanno parlato di un Pontificato “in crisi”, per alcuni giunto quasi “al termine”.

Di certo questa lettura non corrispondeva alla realtà, e Bergoglio lo ha dimostrato con le tante attività di solidarietà e di vicinanza intraprese in questi mesi, ma anche con la sua presenza silenziosa e potente, in celebrazioni, momento di preghiera, occasioni storiche come quella in Piazza San Pietro il 27 marzo 2020, di fronte al Crocifisso miracoloso di San Marcello al corso, portato per l’occasione in Vaticano, sotto la pioggia.

Francesco riprende il suo ruolo di Papa missionario incontrando Orban

Ora che riprendono anche i suoi viaggi, quindi, Francesco può continuare a portare avanti il suo ruolo di Papa missionario e di leader morale internazionale. Per questa occasione di ripartenza, Francesco ha scelto il cuore dell’Europa, o meglio l’Ungheria, dove avrà anche un incontro con il premier Orban. Inviso a molti progressisti, Orban viene spesso dipinto come “populista” forse perché si sta ritagliando molto attentamente un ruolo di primo piano nell’universo politico conservatore del Vecchio Continente.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: viaggio apostolico? Questo il mio desiderio segreto

In modo particolare su tematiche come la difesa della vita, del matrimonio naturale, dei confini nazionali, ma anche grazie all’amicizia e al buon rapporto con altri esponenti politici europei di spicco, in primis il leader italiano della Lega Matteo Salvini. Nei giorni scorsi era stata provata a fare circolare la voce che il pontefice non avrebbe avuto alcun colloquio con lui, a causa delle sue posizioni politiche.

Le voci che servivano a gettare fango sul viaggio sono risultate false

Evidentemente però si trattava solamente di illazioni strumentali per la propaganda mediatiche di uno o dell’altro schieramento, ma che non corrispondevano a realtà. Non a caso, la prima a smentire è stata proprio la Chiesa cattolica ungherese. L’incontro avverrà il 12 settembre prima della messa, come spiega la nota della segreteria generale dei vescovi.

Il Papa si troverà quindi faccia a faccia con i leader dello Stato Ungherese, cioè il Presidente János Áder, il Primo Ministro Viktor Orbán, i membri del Governo e altri alti dignitari dello Stato. Altre precisazioni sono arrivate sempre all’interno della nota dei vescovi. “Riteniamo increscioso che si siano diffuse notizie ed interpretazioni false nei mass media sia locali che internazionali sul programma del Santo Padre in Ungheria, ancora in preparazione. Non corrisponde, ad esempio, alla verità quella diceria, secondo la quale il Santo Padre avrebbe escluso qualsiasi incontro dal programma”.

LEGGI ANCHE: Con il suo viaggio in Iraq, il Papa si incammina sulle orme di Abramo

Inoltre, va specificato che il viaggio in Ungheria per il cinquantaduesimo Congresso eucaristico internazionale a Budapest era previso per il 2020, ma è stato rimandato proprio a causa della pandemia. Ma non è stato cancellato, perché si tratta di un congresso di grande importanza e destinato a fare il punto sulla tenuta del cattolicesimo nel futuro del Vecchio continente e in seguito alla crisi del Coronavirus.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it