Commento alla Parola di oggi: “Signore, cosa sarà di lui?”

“Signore, cosa sarà di lui?”. Pietro chiede quale sarà il destino del discepolo amato da Gesù, la Parola del Messia in questo caso rimane misteriosa e si presta ad interpretazioni.

Il Vangelo di oggi ci dice

I discepoli credettero infatti che il Messia intendesse dire che l’amato non sarebbe morto, ma queste non furono esattamente le sue parole.

Il Messia ha informato i discepoli che dopo la sua scomparsa dovranno andare in giro per il Mondo a diffondere la sua Parola. Successivamente ha pregato il Padre Eterno, intercedendo per loro affinché li considerasse i diretti continuatori della sua missione di conversione del popolo di Dio. Infine aveva assegnato a Pietro un compito importante, pascere il gregge del Signore, diventarne la guida morale e spirituale in sua vece. Adesso chiede a Pietro di seguirlo e quando questo si accorge della presenza del discepolo amato alle loro spalle gli chiede: “Signore, cosa ne sarà di lui?”.

Dal Vangelo secondo Giovanni (21, 20-25):

“In quel tempo, Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?». Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: «Signore, che cosa sarà di lui?». Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa?».

Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera. Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere”.

Commento alla Parola di oggi

Come avete visto Gesù risponde a Pietro che deve continuare a seguirlo e non porsi problemi su quale sia il destino scelto per l’apostolo amato. In tale risposta c’è un alto valore simbolico: Pietro, simbolo della fede viva e sempre bisognosa di conferme deve continuare a seguire i precetti del Messia, mentre Giovanni, simbolo dell’amore deve rimanere in vita sino al ritorno di Cristo.

Erroneamente i discepoli interpretarono alla lettera le parole di Cristo, pensando che Giovanni avrebbe vissuto in eterno sino al ritorno di Gesù sulla terra. In realtà è lo stesso Giovanni che nel passo del Vangelo chiarisce il reale tenore delle parole del Messia, il quale non dice che vivrà in eterno, ma che se egli volesse così non è affare che riguarda gli altri. In sunto la fede deve rimanere viva, come faccia questa ad alimentare l’amore divino è questione che rimane mistero della stessa.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]