A Bagno di Romagna avvenne un miracolo eucaristico

A Bagno di Romagna avvenne un miracolo eucaristico
Bagno di Romagna

Bagno di Romagna, in provincia di Forlì-Cesena, è una delle località in cui si è verificato un miracolo eucaristico.
Questi consiste nella trasformazione, anche visiva, dell’Eucarestia e/o del vino dell’altare in Corpo e Sangue di Cristo.

Che l’ostia e il vino si trasformino, realmente, in Corpo e Sangue di Gesù, lo sappiamo bene (secondo il principio della Transustanziazione), poiché avviene ogni volta che il sacerdote li eleva sull’altare, durate la Santa Messa, e declama la preghiera solenne, ma che questo sia visibile a tutti è un vero e proprio miracolo.
Nel lontano 1412, un Monaco di nome Lazzaro stava celebrando la Santa Messa a Bagno di Romagna.

Nel momento della preghiera eucaristica (quando si elevano l’ostia e il vino), vide il vino del calice andare in ebollizione e, poi, macchiare il corporale, posto davanti a se.
Durante il rito, il Monaco celebrante aveva dubitato che Cristo fosse veramente presente e vivo nell’Eucaristia, che, da li a pochi secondi, avrebbe tenuto tra le mani.
In seguito, padre Lazzaro non poté fare altro che raccontare ai suoi fedeli quanto gli era successo e come ne era rimasto profondamente toccato.
La reliquia di quell’evento fu, poi, posta in una teca, per ricordare a tutti il miracolo avvenuto.

Il Vescovo di Sansepolcro (Arezzo), Monsignor Domenico Bornigia, nel 1958, dispose delle analisi chimiche sulla reliquia, che furono eseguite all’Università di Firenze.
Si trattava di analizzare otto macchie, rimaste sul telo di lino del corporale dell’altare di quel giorno. Effettivamente, le analisi confermarono che si trattava di macchie di sangue.
Oggi, la reliquia è conservata nella cappella del Sacro Cuore, nella Basilica di Santa Maria Assunta, a Bagno di Romagna.

La si può vendere ogni domenica, dei mesi che vanno da Marzo a Novembre.
Nel giorno del Corpus Domini, poi, una commemorazione particolare e la conseguente processione, ricordano ai cittadini di Bagno di Romagna l’evento prodigioso, avvenuto nel loro territorio.

Antonella Sanicanti