Vittoria: gruppo di immigrati accerchia e malmena due carabinieri

Vittoria: gruppo di immigrati accerchia e malmena due carabinieriSabato sera, intorno alle 19:30, una pattuglia di Carabinieri ha effettuato un controllo anti droga nei confronti di un cittadino tunisino sospettato di spaccio di sostanze stupefacenti a piazza Manin, a Vittoria (Ragusa). Gli uomini dell’Arma hanno trovato addosso al ragazzo un ingente quantitativo di hashish (70 grammi) e stavano procedendo all’arresto, ma i connazionali dello spacciatore sono intervenuti accerchiando i Carabinieri e permettendo a questo di sfuggire all’arresto. Il gruppo di immigrati non si è limitato a bloccare i due carabinieri, ma ha cominciato a colpirli, una scena che ha scosso una coppia locale (una donna di 60 anni ed un uomo di 62) che è intervenuta in difesa delle forze dell’ordine.

La folle colluttazione è stata risolta dall’intervento di una pattuglia di Polizia e dai rinforzi dei Carabinieri che hanno placato gli aggressori e permesso il ritorno ad una situazione di quiete. A quel punto lo spacciatore è stato arrestato e portato in centrale. Il bilancio della colluttazione è di 7 giorni di prognosi per uno e 30 giorni di prognosi per l’altro carabiniere (al quale è stato rotto uno zigomo). Rimasta ferita anche la donna intervenuta con il marito in difesa degli agenti (setto nasale fratturato).

Carabinieri aggrediti da immigrati: le reazioni del sindaco di Vittoria e di Salvini

Due giorni dopo l’accaduto, il sindaco di Vittoria Giovanni Moscato ha condannato duramente l’accaduto sulle pagine del ‘Quotidiano di Ragusa‘, esprimendo tutta la sua amarezza: “E’ intollerabile che in una città civile possano accadere fatti come quello che si è verificato sabato, con due militari selvaggiamente picchiati da un gruppo di immigrati, che pur di sottrarre uno spacciatore all’arresto, non hanno esitato ad accerchiare i carabinieri e a malmenarli. A fare le spese dell’aggressione sono stati due coniugi vittoriesi, che sono stati aggrediti dagli immigrati perché cercavano di aiutare i militari”.

Anche il ministro Salvini condanna quanto successo sabato scorso a Vittoria e sul proprio profilo Facebook scrive: “Spacciatore tunisino fugge con la complicità dei connazionali eroici i due coniugi sessantenni che, per aiutare i Carabinieri ad arrestarlo, sono finiti all’ospedale”, quindi con vis polemica verso l’opposizione ha aggiunto: “Al pregiudicato ‘pagatore di pensioni’ servono galera ed espulsione”.

Luca Scapatello