Vietano di Cantare il Padre Nostro, ma lui non ci sta..

wpid-Photo-Feb-27-2013-800-PM

Vietano di cantare il Padre Nostro ma gli studenti si ribellano ,e uno in particolare inizia a recitarlo ad alta voce tirandosi dietro tutti gli altri . E viva la faccia diciamo noi che c’è qualcuno che non si rassegna a farsi tappare la bocca. Così una scuola di antiche radici cattoliche è costretta a rinunciare ad una delle più antiche tradizioni per colpa di una minoranza di atei che si infastidisce a sentire le parole Della preghiera più antica quella del Padre Nostro che Gesù stesso ci ha insegnato.

Da 70 anni alla East Liverpool High School, in Ohio, durante la cerimonia della consegna dei diplomi si canta il Padre nostro. Ma quest’anno la tradizione è stata interrotta, dopo che la fondazione atea e agnostica Freedom from Religion Foundation ha minacciato una causa legale. Secondo il gruppo, infatti, la canzone è troppo cristiana per una cerimonia pubblica e offende i non credenti.

 

PADRE NOSTRO. Il distretto scolastico, per evitare problemi, ha vietato ai diplomandi di cantare il Padre nostro, scatenando il disappunto di tutti gli studenti. Ma uno di loro, Bobby Hill, si è ribellato alla decisione: «Tutti pensavamo fosse sbagliato che ci obbligassero a rimuovere la canzone. Mio padre mi ha sempre insegnato a battermi per quello che ritengo giusto. Ed è quello che ho fatto».

 

TUTTI IN PIEDI. Così, dopo essere salito sul palco per il tradizionale discorso di commiato, Bobby Hill ha fatto alzare in piedi gli studenti e tutti insieme hanno cominciato a recitare il Padre nostro. Alla fine, della preghiera tutta la sala è scoppiata in un grande applauso. Gli studenti non hanno neanche disobbedito a quanto era stato loro imposto: il distretto aveva impedito di cantare il Padre Nostro, non di recitarlo.