Coronavirus: arrivano anche le disposizioni delle Diocesi campane

Le Diocesi d’Italia si attengono alle nuove direttive emanate dal Governo in materia di Coronavirus. Arriva anche il comunicato della Conferenza Episcopale Campana.

Coronavirus diocesi campane card. Sepe

I Vescovi della Campania hanno emanato un documento con ulteriori regole da rispettare, sia per i singoli sacerdoti che per i fedeli: sospese tutte le attività parrocchiali.

I Vescovi della Campania: ecco il decreto

In linea con i comunicati delle singole Conferenze Episcopali di ogni regione, anche i Vescovi della Campania, guidati dal Cardinale Crescenzio Sepe, hanno emanato un documento indirizzato a tutti i sacerdoti e a tutti i fedeli della Regione.

Noi Vescovi della Campania, riuniti in preghiera e riflessione nel corso dei nostri esercizi spirituali, seguiamo con trepidazione l’evolversi della situazione relativa al Coronavirus. Chiediamo a Dio sostegno e vicinanza per i malati e per quanti si prodigano nei centri sanitari di primo soccorso” – scrivono nella nota diramata.

Sono sospese le attività parrocchiali

I Vescovi si allineano al decreto del Consiglio dei Ministri emanato proprio ieri, 4 marzo: “Invitiamo i Parroci e gli operatori pastorali nelle Comunità ecclesiali ad attenersi alle disposizioni precedentemente emanate […] Invitiamo tutti i fedeli, durante le Liturgie, ad avere particolare cura nell’osservare le indicazioni sanitarie per la tutela della persona, nel rispetto della salute comune”.

I Vescovi della Campania: “Si può celebrare la Santa Messa”

Un documento che, non i rivolge solo ai sacerdoti, ma dà ampio spazio anche ai fedeli, a coloro che chiedono che, comunque, si celebri la Santa Messa: “Nel confermare la possibilità di celebrare l’Eucarestia e gli appuntamenti di preghiera che caratterizzano questo periodo quaresimale […] confermiamo anche l’opportunità di sospendere, fino al 15 marzo, gli incontri di catechismo, le attività oratoriali e tutte quelle iniziative che potrebbero non garantire l’osservanza delle indicazioni sanitarie”.

I Vescovi, inoltre, invitano tutti i fedeli ad essere prudenti. Soprattutto a pregare, attraverso il Santo Rosario, l’Adorazione Eucaristica prolungata, la preghiera personale fatta con fervore. “Rivolgiamo al Dio, trino ed unico, la comune preghiera e supplichiamo l’intercessione della Madre nostra, Maria” – conclude la nota.

ROSALIA GIGLIANO

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it