Il vero Miracolo la fede dei bambini

I BAMBINI CRISTIANI CHE CRESCONO NELLA FEDE

 

 

 

I bambini che comprendono il messaggio di Gesù, sin da piccoli, e cercano di comportarsi, già a quell’età, cristianamente, finiscono sempre per stupirci, per la loro freschezza e per la semplicità e l’entusiasmo con cui attendono le risposte del Padre, anche per le loro piccole richieste.

Questo è quanto è accaduto a Matteo Gilardi, un bambino di 9 anni che abita a Rivara (TO).

Lui ha appena ricevuto la Prima Comunione, un evento specialissimo che gli permetterà, d’ora in poi, di cibarsi del vero Corpo di Cristo. Per questo motivo, desiderava un dono particolare e indimenticabile.

Ha pensato allora di scrivere a Papa Francesco, spiegando che, lo scorso Venerdì Santo, lui e i suoi genitori, erano stati a Roma, ad una sua udienza, apposta per ascoltarlo: “Sono a Roma, mi piacerebbe tanto incontrarti e fare il chierichetto per te, l’ho fatto anche per il nostro Vescovo Edoardo Cerrato e sono piuttosto bravo anche a portare il pisside. Se hai da fare o non ti servono altri chierichetti, ti prego di pregare per me e per i miei amici, che il 4 giugno a Rivarolo faremo la comunione, ci piacerebbe ricevere la tua benedizione.”.

Una tenerissima richiesta a cui il Pontefice non poteva che dare la giusta attenzione.

Il Papa ha risposto al piccolo, inviandogli una pergamena personalizzata, con tanto di dedica e benedizione.

E inoltre ha scritto al Parroco del luogo, Don Maurizio, perché desse un messaggio a tutti i bambini che con Matteo avrebbero ricevuto la Prima Comunione: “E’ pervenuta a Papa Francesco la lieta notizia che alcuni bambini riceveranno il Sacramento dell’Eucarestia, chiedendo un particolare favore spirituale. Il Santo Padre, unendosi alla gioia dei comunicandi, li invita ad accogliere con profonda riconoscenza Gesù, che ha voluto essere presente nell’Eucarestia. Sua Santità chiede il favore di pregare per lui e di cuore impartisce la benedizione apostolica.”.

Un piccolo, ma grande gesto della presenza di Papa Francesco in mezzo a noi; per Matteo un segno che le sue preghiere possono essere ascoltate ed esaudite.