Uno dei due gemelli doveva essere soppresso ma i due si tengono per mano

 

 

Un Miracolo inaspettato ma gradito La gravidanza di Rowan e Blake era difficile, complicata,  secondo i medici impossibile. L’unica soluzione che proponevano l’aborto di uno dei due gemellini che lei portava in grembo, l’unica alternativa era l’aborto selettivo, che consisteva nell’eliminazione di di uno dei due affinchè l’altro potesse sopravvivere fino al giorno del parto.

I due pargoli erano infatti erano “monocoriali”, condividevano il liquido amniotico, cioè condividevano lo stesso liquido amniotico, occupavano in realtà lo spazio di uno in due con il rischio che i loro cordoni ombelicali potessero aggrovigliarsi e provocarne il soffocamento.

La mamma non aveva il coraggio di eliminarne uno, e poi chi scegliere tra i due? A maggior ragione dalle ecografie sostenute appariva chiaramente che i due si tenessero per mano, si stringessero l’un l’altro. Quasi impedendo che il proposito dei medici di abortirne uno venisse realizzato.

Così è stato, per la gioia di Haley e Charlie la mamma e il papà, infatti i medici alla 34 settimana sono intervenuti con un parto cesareo. Tutto è andato bene i bambini sono sopravvissuti entrambi sono solo dovuti restare in terapia intensiva a causa della scarsità di liquido amniotico nei polmoni. Oggi sono due stupendi fanciulli che crescono sani, belli e forti. I genitori ringraziano Dio di vederli scorazzare per casa.

 

Fonte: National Right to Life News