Un Sacerdote: Ecco come Padre Pio mi ha salvato

 

 

 

PADRE PIO SALVA UN SACERDOTE

 

 

 

E’ importante l’affidamento al Signore nostro Dio, attraverso le preghiere, personali e altrui, per mezzo dell’intercessione dei Santi, degli Angeli e della Vergine Madre, affinché ci abituiamo ad abbandonarci serenamente e fiduciosamente tra le braccia di chi, meglio di noi, sa di cosa abbisogniamo.

A volte le situazioni da affrontare ci sembreranno ingiuste e immotivate o crudeli e disperate, mentre cresce la consapevolezza che dovremmo aspettare che giunga un certo giorno, che non ci è dato sapere ora, perché tutto ci appaia più chiaro e che, quel giorno, la nostra tristezza dovrà cedere il posto alla beatitudine più piena.

In altre e diverse circostanze invece Dio ci lascia assistere, già qui, a delle “cose ultraterrene”, rendendoci meravigliati e rinvigoriti nella fede.

Una suora racconta la storia molto particolare di cui è stata testimone anni fa.

Aveva programmato un viaggio per recarsi da Padre Pio. Non era la prima volta che andava a dialogare con lui; quella volta però, prima di partire, sentì la spinta di far visita ad un sacerdote, don Giancarlo, ricoverato e costretto in un letto di ospedale, a causa di un tumore al polmone.

Il sacerdote prontamente, saputo del prossimo viaggio della suora, si raccomandò di essere ricordato nelle preghiere del frate di San Giovanni Rotondo: “Dite qualcosa al Padre della mia malattia!”-le disse.

La suora arrivò a destinazione e fu subito messa in attesa, nel corridoio della portineria, perché, proprio da li, sarebbe passato Padre Pio, per salutare lei e gli altri fedeli.

Si mise allora a pregare e si immerse nei suoi pensieri, tanto che quasi dimenticava l’appello di don Giancarlo, seppur così importante e urgente.

Il futuro Santo puntualmente arrivò. Lei gli parlo e gli baciò la mano, ad un certo punto lui le chiese: “Hai altro da dirmi?”.

“Ah si, Padre, il nostro parroco è ammalato di tumore ed aspetta una vostra parola.”.

Padre Pio disse: “E se Dio ha disposto che muoia, lui che vuole?”.

“Padre, che guarisca. Padre, lui vuole guarire!”.

“Beh, lasciamo andare …” -concluse, senza concludere …

Don Gianfranco uscì dall’Ospedale e non ebbe bisogno di nessuna cura, da allora in poi.