Triduo agli Angeli Custodi – terzo giorno, la preghiera di S.Teresa di Liseux

Pregare gli Angeli e sentire la loro presenza accanto a noi. Un momento particolare da trascorrere nella contemplazione e nella preghiera.

angeli custodi
photo web source

Oggi, in questo terzo giorno di Triduo agli Angeli Custodi, preghiamo insieme a Santa Teresa di Liseux, con una preghiera composta da lui stesso.

Triduo agli Angeli Custodi – terzo giorno

In occasione della festa liturgica degli Angeli Custodi, ci prepariamo attraverso la celebrazione di un Triduo. In questi tre giorni, saremo accompagnati da alcuni Santi e Beati che hanno pregato incessantemente il loro Angelo custode.

Anche Santa Teresa di Liseux aveva una particolare devozione verso gli Angeli. Dalla sua consacrazione, a soli 9 anni, agli Angeli, al suo voto di fedeltà piena alla Vergine Maria. La sua giovanissima consacrazione ci fa capire bene come Santa Teresa abbia scelto, sin da subito, di percorrere la cosiddetta “Via Piccola”, come lei amava chiamare quella via che la portava alla santificazione dell’anima.

La preghiera di Santa Teresa di Liseux

Anche noi, oggi, in questo terzo giorno di Triduo, preghiamo gli Angeli custodi con una preghiera composta dalla stessa Santa:

Santa Teresa di Lisieux
(Websource/Archivio)

Glorioso guardiano della mia anima, che splendi nel bel cielo del Signore come una fiamma dolce e pura vicino al trono dell’Eterno!

Tu scendi sulla terra per me e mi illumini con il tuo splendore.

Angelo bello, tu sarai mio fratello, mio amico, mio consolatore!

Conoscendo la mia debolezza mi conduci con la tua mano, e vedo che rimuovi con tenerezza ogni pietra dal mio cammino.

La tua voce dolce sempre mi invita a non rivolgere lo sguardo che al cielo.

Quanto più umile e piccola mi vedi tanto più raggiante sarà il tuo volto.

Oh tu, che attraversi lo spazio come un lampo ti supplico: vola sul luogo della mia dimora, accanto a loro che mi sono cari.

Asciuga le loro lacrime con le tue ali. Decanta la bontà di GESU’!

Racconta con il tuo canto che le sofferenze possono essere grazia e sussurra il mio nome! … Durante la mia vita breve voglio salvare i miei fratelli peccatori.

Oh, angelo bello della mia patria, regalami il tuo santo fervore!

Non ho altro che i miei sacrifici e la mia austera povertà.

Offrili, con le tue delizie celestiali, alla santissima Trinità!

A te il regno della gloria, a te le ricchezze dei Re dei re!

A me l’umile ostia del ciborio, a me della croce il tesoro!

Con la croce, con l’ostia e con il tuo aiuto celestiale attendo in pace dell’altra vita le gioie che dureranno per l’eternità.

Amen

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]