Statua della Madonna intatta in mezzo alle fiamme.

medjugorje_fiamme_645

Statua Maria intatta dopo incendio a Madrid

Non è la prima volta che commentiamo notizie di questo tipo ma la cosa ci lascia sempre alquanto stupiti . Ogni tanto capitano questi episodi di eventi comunque straordinari che ci lasciano perplessi, tutto è accaduto lo scorso 30 luglio nella base militare di El Goloso che è situata nelle vicinanze di Madrid .

Un campo adibito a pascolo di animali  all’interno della base militare è andato a fuoco, l’incendio non di origine dolosa è stato provocato dall’ondata di caldo che sta interessando la penisola Spagnola con altissime temperature che dovrebbero essere la causa del rogo.

Molti si sono preoccupati perche all’interno del campo era situata una statua della Madonna circondata da una aiuola ben curata piena di fiori che ornavano lo spazio dedicato alla statua della Vergine Maria, ma con somma sorpresa di tutti la statua della Madonna è rimasta intatta e anche l’aiuola circostante non ha subito alcun danno. Mentre intorno le fiamme che divampavano hanno bruciato tutta l’erba del campo rendendo quella zona praticamente  un deserto. Come se il manto Di Maria avesse avvolto quel lembo di terra inspiegabilmente intatto e neanche sfiorato dalle fiamme.

Ormai per i soldati della base la statua è divenuta una vera e propria meta di pellegrinaggio, molti sostano davanti a lei in preghiera prima di prendere servizio, oppure nelle varie pause durante la giornata, è tutto il personale ormai mostra una particolare devozione a Maria Santissima  soprattutto dopo l’inspiegabile episodio che vi abbiamo raccontato.  La statua in questione è divenuta un vero e proprio simbolo della fede popolare e guai a chi osa mettere in discussione la potente intercessione della Madonna.

Un episodio simile è accaduto 3 anni fa a Medjugorje e noi ne siamo stati testimoni diretti, era scoppiato un incendio e le fiamme avevano avvolto tutta la Collina delle Apparizioni e il Monte Krizevac, le fiamme divampavano grazie alla siccità del terreno e al vento caldo che le spingeva . L’incendio non si spegnava e da giorni continuava a propagarsi anche perchè In Bosnia non ci sono Canader o elicotteri adibiti allo spegnimento delle fiamme. Una sera il veggente Ivan ha disdetto un incontro di preghiera con i pellegrini in preparazione dell’apparizione che doveva svolgersi sulla collina davanti alla statua della Madonna e la situazione si stava facendo preoccupante, da giorni su Medjugorje continuava a cadere cenere sembrava che nevicasse e il fumo ti prendeva alla gola. Una sera da sotto la collina si vedeva questa lingua di fuoco e le fiamme che avevano circondato la statua della Madonna e piano piano si avvicinavano sempre di più  all’improvviso è arrivato un forte vento diverso da quello caldo che alimentava l’incendio, un vento fresco che ha ricacciato indietro le fiamme improvvisamente allontanandole dalla statua, tutti ci siamo guardati e abbiamo pensato che qualcosa di particolare fosse accaduto, anche perchè questa ventata di aria fresca è svanita quasi subito inspiegabilmente come se una mano invisibile avesse spostato le fiamme. Noi in quei giorni avevamo pregato e chiesto alla Madonna di poter salire sulla collina, ma a causa del fumo e delle fiamme così vicine la cosa era stata impossibile. Invece il giorno dopo siamo riusciti a salire sul Podbrdo e a ritrovarci a pregare davanti la statua della Madonna che ricorda il punto esatto dove la Regina della Pace è apparsa il primo giorno e i giorni successivi e dove anche oggi appare al veggente Ivan che con il suo gruppo di preghiera si riunisce sulla collina. Per noi è stato un segno forte perchè le nostre preghiere sono state ascoltate e il nostro desiderio di pregare davanti alla statua della Gospa si è realizzato.