Solo in Italia 290 bambini abortiti al giorno, quale guerra o strage è più grande di questa?

 

 

 

 

Solamente in Italia si effettuano 290 interruzioni di gravidanza al giorno!

Vuol dire che ben 290 bambini al giorno non nasceranno mai e altrettante madri vivranno  il ricordo di qualcosa che segnerà  per sempre la loro vita, in modo negativo. E dovranno fare i conti con il  rimorso, che in molti casi non avrà mai fine.

Molti sono i motivi addotti: l’avanzamento di carriera (frenato da una possibile gravidanza), la mancanza di un partner fisso o responsabile, la giovane età … ma nessuno di questi contempla la bellezza della procreazione, insita in un atto sessuale.

E’ l’egoismo dilagante a dettare le regole e a dare a certe donne adulte -almeno sessualmente- più diritti di quanti ne possa avere un feto indifeso, che non avrà mai possibilità alcuna di urlare al mondo la sua voglia di vivere.

Cosi si moltiplicano i consultori in cui dottori, sterili e sterilizzati, consigliano alle mancate mamme la prassi più opportuna per togliersi quell’impiccio dallo stomaco, metaforicamente parlando e non tanto.

Il nostro Paesello civilizzato e moralista si pregia di moltiplicare gli spot sui metodi anticoncezionali, di dare informazioni su come fare sesso protetto, riducendo la possibilità di contrarre malattie e gravidanze indesiderate, ma mai parla, ne tanto meno pubblicizza, la vita che poteva essere e mai sarà.

La gravidanza è spesso un effetto collaterale di un rapporto sessuale, non un’unione intima e matura tra un uomo e una donna, che da origine al più meraviglioso dei miracoli: la vita.

No, oggi è considerato un miracolo avere il ciclo dopo un rapporto sessuale non protetto, perché significa “esser stati attenti”, “aver fatto bene l’amore”. Altrimenti, si sa, abortire è lecito, un diritto legale della donna.

La legge umana è pretesto allora per non avere un’etica e la cristianità svanisce di fronte alla personale concezione della vita.

Nessuno sembra pensare alle conseguenze di un aborto, tutto si riduce alla ricerca del piacere immediato e alle varie campagne marketing che spingono a raggiungere lo stile di vita in voga in quel memento.

E se anche le nostre mamme avessero deciso tempo fa di abortirci?

Noi eravamo feti, scelti da Dio e dati alla luce da madri responsabili del ruolo che la natura affida alle donne da sempre.