Settimana Santa: le Regioni che cambiano colore

In un’Italia che si avvia al periodo delle feste pasquali, oggi è previsto l’ultimo cambio di fasce, prima del mese di aprile.

italia in zona rossa
photo web source

Prima dei 3 giorni (3 – 4 e 5 aprile), dove tutto il Paese sarà in zona rossa, anche per questo venerdì le Regioni italiane si apprestano a cambiare zona di colore. Gli ultimi possibili 5 giorni di “respiro anche economico” prima della chiusura pasquale.

La zona rossa e arancione prima di Pasqua

Verso un’Italia in rosso: questo è quello che si prospetta per il nostro Paese per Pasqua. La non possibilità di spostarsi, se non per necessità, lavoro o salute e all’interno solo della propria Regione, fa sperare nella zona arancione almeno per questo ultimi 5 giorni. Ma ci sono prospettive ancora più drastiche: quelle di un prolungamento della zona rossa fino all’11 aprile.

Andiamo con ordine. Una delle Regioni che passa da zona rossa ad arancione, è il Lazio, che dopo due settimane di restrizioni, vede allentata qualche regola. In zona rossa finisce anche la Toscana, visto l’oscillare continuo del numero dei casi positivi (vicina ai 250 positivi ogni 100mila abitanti).

La Valle d’Aosta viaggia verso il rosso

Da lunedì, invece, la zona rossa sarà ufficiale per la Valle d’Aosta, data la sua soglia di 290 abitanti positivi per 100mila abitanti (oltre i 250 che, secondo il DPCM, fa scattare automaticamente la zona rossa). La Regione ha, comunque, già approvato un’ordinanza, da questo weekend, di divieto di spostamento fra Comuni, ad esclusione degli spostamenti finalizzati a raggiungere i servizi che possono proseguire la loro attività, come i servizi di cura alla persona.

Anche la Calabria passa in zona rossa: dall’ultimo monitoraggio, il suo Rt arriva alla soglia dell’1,25.

Chi resterà nella fascia più alta d’allerta fino all’11 aprile

Ma ci sono alcune Regioni che confermano la loro zona rossa la Lombardia, il Piemonte, il Veneto, la provincia di Trento, l’Emilia Romagna, le Marche, il Friuli e la Puglia. Anche se i loro Rt potrebbero scendere anche al di sotto dell’1, l’incidenza che le porta a restare nella fascia di rischio più alta è la soglia dei 250 abitanti per 100mila abitanti.

LEGGI ANCHE: Ulteriori restrizioni in vista di Pasqua: l’Italia sempre più chiusa

Il caso della Regione Campania

La Regione Campania, invece, dopo 3 settimane di zona rossa, si trova in bilico, ma ancora per questa settimana resta in zona rossa. Se i dati si assesteranno e tenderanno al miglioramento (come lo sono già stati questa settimana, dove la soglia dei 250 casi positivi ogni 100mila abitanti non è stata toccata), dal 7 aprile potrebbe passare in fascia arancione. 

Chi resta in arancione

Si conferma, invece, la fascia di zona arancione per la Basilicata, l’Umbria, la Liguria, la Sicilia, la provincia di Bolzano, l’Abruzzo, la Sardegna ed il Molise.

LEGGI ANCHE: Pasqua: l’Italia entra in zona rossa. Cosa si può fare e cosa no?

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]