Santuario Madonna dell’Annunziata e del Garofano: dove la giovane guarì

Il Santuario Madonna dell’Annunziata e del Garofano è legata alla vicenda della giovane Maria Manca, che Maria guarì da una fattura che le era stata lanciata. 

Santuario Madonna dell'Annunziata e del Garofano
Santuario Madonna dell’Annunziata e del Garofano – photo web source

Il santuario della Madonna del Garofalo infatti è conosciuto anche con il nome di Madonna Annunziata. Questo venne edificato nel 1618 dalla giovane Maria Manca, dopo avere ottenuto la miracolosa guarigione grazie all’intercessione della Vergine.

Il miracolo della Madonna alla giovane Maria Manca

Maria Manca vide infatti la Madonna che le consegnò un garofano che avrebbe dovuto portare in dono al Santissimo Crocifisso della Galatone. Proprio da quel garofano si origina quindi il nome del Santuario di Squinzano, in provincia di Lecce.

La veggente, infatti miracolosamente ebbe per tutta la vita, sul suo palmo della mano, il profumo e l’impronta del garofano. A testimonianza di un annuncio che durò per tutta la sua vita così come la presenza della Madonna nella vita dei suoi figli non ha limiti né fine.

Santuario Madonna dell'Annunziata e del Garofano
Il Santuario Madonna dell’Annunziata e del Garofano a cui è legata la vicenda miracolosa delal Madonna di Squinzano – photo web source

L’interno del Santuario Madonna dell’Annunziata e del Garofano

Il bellissimo santuario pugliese ha una struttura interna semplice. Questa è formata da una pianta unica con cappelle aperte sui lati e una zona absidale arricchita. Quest’ultima, inoltre, è arricchita da un altare in legno del diciassettesimo secolo. Lungo tutte le pareti, inoltre, si trovano della monofore.

All’interno sono anche presenti numerose affascinanti opere artistiche. Tra queste, vi sono degli affreschi del diciassettesimo secolo. Insieme anche ad alcune tele dipinte sempre nel diciassettesimo secolo, e per mano di alcuni importanti autori locali.

Santuario Madonna dell'Annunziata e del Garofano
La Madonna di Squinzano apparve alla giovane mentre stava raccogliendo olive, chiedendole di portare dei garofani al Crocifisso di un paese vicino. Durante il tragitto sputò pece e capelli – photo web source

La stanza in cui visse la giovane Maria Manca

La facciata è poi formata da due paraste laterali. Ciò che spicca però è la varietà e la ricchezza della sua decorazione. L’ampio portale, infatti, è sormontato da una ricca cornice. Alla cornice è possibile giungere inoltre attraverso una scalinata. A fianco della stessa si trovano alcune bellissime colonne lavorate.

Tra queste, spuntano alcune nicchie che contengono statue di santi. Mentre infine l’ordine superiore della facciata si caratterizza per una finestra timpanata affiancata da motivi decorativi a rilievo.

La Madonna di Squinzano liberà una giovane leccese da un maleficio che le era stato fatto da un suo pretendente e che le stava rovinando la vita – photo web source

Ma il luogo di culto più frequentato dai pellegrini, che si recano in questo posto ricco di fede e di storia, è la “stanza” dove visse la stessa Maria Manca, la giovane che ricevette le apparizioni della Vergine che le permisero di guarire dal suo male. Questa si trova infatti adiacente al santuario.

Giovanni Bernardi

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]