Mariam Thresia Chiramel Mankidyan: chi era e com’è diventata Santa

Thresia Chiramel Mankidyan è stata proclamata Santa da Papa Francesco il 13 ottobre 2019. Al suo nome, la Santa volle aggiungere “Mariam” (Maria) per devozione alla Beata Vergine Maria.

Santa Mariam Thresia
Santa Mariam Thresia (websource)

Santa Mariam Thresia Chiramel Mankidyan nacque a Puthenchira, odierno Stato indiano del Kerala, il 26 aprile 1876. La sua famiglia, tradizionalmente benestante, cadde in miseria. Thresia crebbe secondo i principi cristiani, i suoi genitori la fecero battezzare il 3 maggio 1876 nella Chiesa parrocchiale di Putenchira. Una curiosità per quanto riguarda il suo nome di Battesimo: i suoi genitori decisero di chiamarla Thresia in onore di Santa Teresa d’Avila, alla quale erano molto devoti.

 

Santa Mariam Thresia e la vocazione

Si capì fin da subito quale fosse la direzione verso cui la sui vita sarebbe stata diretta: la piccola Thresia, già all’età di tre anni, sentendo suonare la campana dell’Angelus interrogava spesso i suoi genitori (in particolare sua madre) sui misteri della Trinità, sulla Passione di Gesù e sul perché si recitava il Santo Rosario. Crescendo, iniziò a frequentare la parrocchia insieme a delle amiche, con le quali cominciò ad offrire un aiuto pratico attraverso le pulizie e l’ornamento dell’altare.

L’ausilio ai poveri

Negli stessi anni in cui la Santa iniziò a frequentare la parrocchia, crebbe in lei il desiderio di dedicarsi agli strati più poveri della società. Thresia e le sue tre amiche (Mariam Karumalikkal, Kochumariam Koonan e Thresia Koonan) iniziarono a prestare cure ai malati e ai moribondi del loro villaggio. Le ragazze non si occuparono esclusivamente dei malati, ma anche delle persone in difficoltà, come le famiglie segnate dalla violenza e gli orfani della città.

La fondazione della Congregazione della Sacra Famiglia

Nel 1913, il don Vithayathil decise di far iniziare i lavori per quella che sarebbe diventata la Casa della Solitudine. La Santa vi si trasferì, con l’affiancamento delle sue amiche, che la seguivano nella preghiera e nelle attività di apostolato. Il 14 maggio dell’anno seguente, la Casa fu ufficialmente benedetta da Mar Menachery, vescovo dell’arcidiocesi di Thrissur. Questo passo decretò la nascita della Congregazione della Sacra Famiglia. Don Vithayathil divenne il cappellano della Congregazione, mentre Thresia ne divenne superiora.

La Congregazione

I principali scopi della nuova fondazione furono: la preghiera, la meditazione, l’assistenza ai poveri e agli ammalati, nonché l’educazione cristiana. Nel giro di poco tempo la Congregazione si espanse e madre Thresia fondò altri tre conventi, due scuole, due convitti, una casa di studio e un orfanotrofio. La Santa decise di aggiungere al suo nome quello di Mariam (Maria) per omaggiare la Beata Vergine, di cui era molto devota.

Culto

Santa Mariam Thresia morì l’8 giugno 1926 a Kuzhikkattusseny. Diverse grazie sono state attribuite alla sua intercessione. Mariam Thresia fu dichiarata Venerabile nel 1999 e, nel 2000 fu dichiarata Beata da San Giovanni Paolo II. Il secondo miracolo, preso in esame per la causa di canonizzazione, risale al 2009. A seguito dell’approvazione di quest’ultimo, Papa Francesco l’ha dichiarata Santa il 13 ottobre 2019, durante la celebrazione in cui altri 4 Beati sono stati dichiarati Santi.

Il miracolo che l’ha resa Santa

Il miracolo che l’ha resa Santa avvenne nell’aprile 2009. Un neonato di Perinchery (India) di nome Christopher, nato il 7 aprile del 2009, presentò fin dalla sua nascita gravi problemi di salute. I suoi genitori, devoti alla Beata Mariam Thresia, si rivolsero a lei affinché potesse intercedere presso Nostro Signore. Il bambino si riprese pochi giorni dopo e i medici lo dichiararono guarito a tutti gli effetti. La Congregazione delle Cause dei Santi, nel febbraio 2019 ha dichiarato l’accaduto come autentico miracolo. A seguito di tale valutazione, Mariam Thresia fu dichiarata Santa da Papa Francesco il 13 ottobre 2019, in Piazza San Pietro.

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]