Rigopiano: Questa telefonata poteva salvarli e invece , sentite cosa è accaduto

 

 

 

Ecco la chiamata al 112 che ha praticamente condannato tutte le persone che erano sepolte dalla slavina di neve abbattutasi sull’albergo di Rigopiano

La telefonata chiave è quella di mercoledì 18 gennaio alle 18:20. “Sono Marcella di cognome, Quintino di nome”, esordisce il ristoratore che aveva ricevuto un messaggio vocale da un amico che si trovava a Rigopiano.

Marcella: “Mi sente?”
Funzionaria: “Sì che la sento”.
M: “Sono Marcella di cognome, Quintino di nome. Il mio cuoco mi ha contattato su WhatsApp cinque minuti fa, l’albergo di Rigopiano è crollato, non c’è più niente… Lui sta lì con la moglie, i bimbi piccoli… intervenite, andate lassù”.
F: “Questa storia gira da stamattina. I vigili del fuoco hanno fatto le verifiche a Rigopiano, è crollata la stalla di Martinelli”.
M: “No, no! Il mio cuoco mi ha contattato su WhatsApp 5 minuti fa, ha i bimbi là sotto… sta piangendo, è in macchina… lui è uno serio, per favore”.
F: “Senta, non ce l’ha il suo numero? Mi lasci il numero di telefono (…). Ma è da stamattina che circola questa storia, ci risulta che solo la stalla è crollata. Che le devo dire?”.

In questo scambio di frasi si consuma l’equivoco fatale: nella mattinata una scossa aveva fatto crollare il tetto di una stalla di un allevatore nei pressi di Farindola. L’operatrice quando sente la parola Rigopiano, come sottolinea Repubblica, pensa immediatamente alla stalla ed esclude l’ipotesi che ci sia qualche problema all’hotel. Così da questo momento in poi Marcella prova a far ragionare l’operatrice:

F: “Come si chiama quel cuoco?”.
M: “Giampiero Pareti. È quello della pizzeria, è il figlio di Gino…”.
F: “Sì, lo conosco benissimo il figlio di Gino, conosco lui, conosco la mamma. È da stamattina che gira ‘sta cosa. Il 118 mi conferma che hanno parlato col direttore due ore fa, mi confermano che non è crollato niente, stanno tutti bene”.
M: “Ma come è possibile?”.
F: “La mamma dell’imbecille è sempre incinta. Il telefonino… si vede che gliel’hanno preso…”.
M: “Ma col numero suo?”.
F: “Sì”.

A questo punto entra in campo un altro equivoco. Il direttore dell’hotel Di Tommaso era stato contattato dal centralino del Css per informarsi sulla situazione. Marcella aveva chiamato anche il 118 prima di chiamare il Css. Ma Di Tommaso quando viene contattato non è a Farindoli ma a Pescare e non può sapere cosa sia successo all’hotel. E così la funzionaria non crede alle parole di Marcella:

F: “Due ore fa, le confermo, al 118 hanno parlato con l’hotel. Non le dico una bugia! Ma se fosse crollato tutto, pensa che che rimarremmo qua?”
M: “Si metta in contatto col direttore…”.
F: “Non so se si rende conto della situazione… Abbiamo gente in strada, gente con la dialisi, anziani. E io per lei… Provi lei a mettersi in contatto con il direttore. Non è scortesia. Arrivederci”.

QUELLO CHE POI E’ ACCADUTO LO SAPPIAMO TUTTI, NON  CI SONO ULTERIORI COMMENTI DA FARE. NOI NON CONDANNIAMO NESSUNO MA DI CERTO CHI HA DELLE RESPONSABILITA’ BEN PRECISE SE LE DEVE ASSUMERE TUTTE, E DEVE  PAGARNE LE CONSEGUENZE