Potente preghiera di Padre Tardif per imparare a perdonare

perdonare
foto web source

Potente preghiera di Padre Tardif per imparare a perdonare

Non possiamo essere completamente nella luce di Dio, se proviamo del rancore o del risentimento nei confronti di qualcuno. Perdonare non è sempre facile, specialmente quando il torto subito è oggettivamente grave o addirittura punibile, secondo la legge.

Gesù ci dice, secondo il Vangelo di Matteo: “amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste”.

Non è certo facile da attuare, quello che ci chiede Gesù, ma è sicuramente possibile, attraverso la grazia che scaturisce dalla preghiera incessante.
Per imparare a perdonare gli altri, potremmo cominciare a recitare la seguente potente preghiera di Padre Emiliano Tardif.

La preghiera di perdono

Signore Gesù Cristo, oggi ti chiedo di poter perdonare tutte le persone della mia vita.
So che tu me ne darai la forza.
Ti ringrazio perché tu mi ami più di quanto io non ami me stesso e perché tu vuoi la mia felicità più di quanto non la desideri io.

Signore Gesù, voglio essere liberato dal risentimento, dall’amarezza e ti chiedo in particolare di concedermi la grazia di perdonare quella persona che mi ha fatto soffrire più di ogni altra.
Ti domando di poter perdonare (…), colui/colei che considero il mio più grande nemico/nemica, la persona che dicevo di non voler più perdonare e che mi riesce così difficile perdonare. Amen

Leggi anche: Potente preghiera per ottenere subito la liberazione dalle angosce

Antonella Sanicanti

 

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI