Il piccolo Alex ha un donatore! Si lotta contro il tempo per salvarlo!

AlessandroAlex ha trovato un donatore di midollo osseo compatibile e questa è già un’ottima notizia. Il problema è che questa persona non sarà disponibile al trapianto, fino a Gennaio!

E questo potrebbe compromettere le condizioni precarissime del piccolo. Il bambino -ricordiamolo- ha una malattia genetica rara, la linfoistiocitosi emofagocitica, e, per questo, a soli 19 mesi, potrebbe non farcela a contrastare il tumore.

Per molte settimane, presso diversi istituti di diverse città, l’Associazione Donatori di Midollo Osseo ha atteso chiunque volesse fare il testi di compatibilità per Alessandro.

Il papa spiega: “La notizia che si fosse trovato, tramite una ricerca nel registro internazionale, un donatore altamente compatibile con Alessandro Maria è vera. Tuttavia, a seguito dell’accertamento della compatibilità, abbiamo appreso che tale donatore (non italiano) si è reso disponibile solo da metà gennaio”.

Alex: il ritorno verso Roma

“Tale tempistica, purtroppo, è incompatibile con la malattia del nostro bimbo, che come sapete richiede un trapianto il prima possibile. Ed allora il Great Ormond Street Hospital, d’accordo con il Professore Franco Locatelli, direttore del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica, terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (che sin dall’inizio ci ha dimostrato massima attenzione e disponibilità), ci hanno proposto di trasferire Alessandro Maria a Roma, per sottoporlo alle cure dell’equipe italiana. E così continuiamo a sperare”.

Dunque la ricerca di una persona compatibile continua e anche le nostre preghiere perché il piccolo si salvi.

Leggi anche: Grazie Napoli! Tutti in fila per salvare Alessandro!

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI