Papa Francesco: “Per uccidere un uomo basta l’indifferenza”

Papa Francesco
(Gettyimages)

Papa Francesco si sofferma un’altra volta sul quinto comandamento nella sua catechesi sulla parola di Dio, e spiega come anche la semplice indifferenza può portare alla morte di un uomo.

Parole ispirate ed intense quelle proferite dal Santo Padre questa mattina nel corso dell’omelia sulla catechesi sulla “Quinta Parola” pronunciata nel corso dell’Udienza Generale a Piazza San Pietro. Papa Francesco parte dalle parole scritte nella prima lettera di Giovanni, in cui l’apostolo dice: “Chiunque odia il proprio fratello è omicida”, quindi sottolinea come nessun codice umano equipara il disprezzo per gli altri all’omicidio, ma il Vangelo lo fa con convinzione, poiché Gesù era conscio di quanto potesse essere distruttivo l’odio nei confronti di una persona, quindi aggiunge: “Non amare è il primo passo per uccidere e non uccidere è il primo passo per amare”.

Con queste parole il pontefice cerca di sensibilizzare i fedeli sui maltrattamenti verbali, vuole sottolineare che per rispettare a pieno il quinto comandamento non basta solamente non uccidere (requisito tuttavia fondamentale) ma serve anche che si usi accortezza nei confronti del prossimo affinché i nostri gesti e le nostre parole non siano cagione del suo malessere interiore e lo portino prima ad essere un reietto, quindi lo conducano in una spirale di solitudine e depressione che – se non necessariamente lo condurranno al suicidio- lo annulli psicologicamente, lo uccida spiritualmente.

Papa Francesco: “L’indifferenza da sola basta ad uccidere un uomo” 

Cercando di spiegare ulteriormente cosa vuole dire con quelle parole, il Santo Padre dice: “L’uomo ha una vita nobile, molto sensibile, e possiede un io recondito non meno importante del suo essere fisico. Infatti, per offendere l’innocenza di un bambino basta una frase inopportuna. Per ferire una donna può bastare un gesto di freddezza. Per spezzare il cuore di un giovane è sufficiente negargli la fiducia. Per annientare un uomo basta ignorarlo. L’indifferenza uccide”. Parole profonde, queste di papa Francesco, e profondamente vere, ogni giorno l’indifferenza verso il prossimo è causa di dolore e sofferenza ed in alcuni casi può portare alla morte fisica (basti pensare ai poveri, ai migranti, ai bambini africani, alle donne vittime di abusi etc), non a caso il pontefice chiude questa frase dicendo: “Ogni volta che esprimiamo disinteresse per la vita altrui, ogni volta che non amiamo, in fondo disprezziamo la vita”.

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

Luca Scapatello