Papa Francesco: “Gesù ci chiede di seguirlo. Non lasciamolo aspettare”

La chiesa esca ad annunciare il Vangelo

E’ questo il monito di papa Francesco all’Angelus.

angelus papa francesco gettyimages
angelus papa francesco gettyimages

“La chiesa non sia chiusa nel suo recinto, non abbia paura di seguire Gesù”.

Papa Francesco:  seguire Gesù

L’Angelus di papa Francesco è pienamente incentrato sul brano del Vangelo della domenica: “Gesù ci chiede di seguirlo e, anche se è rischioso, ci chiede di farlo fino alla fine”.

L’attenzione del santo padre è, in particolare, posta sulle risposte che i singoli discepoli danno a Gesù alla sua richiesta di seguirlo: “Gesù ci ha indicato la nostra missione: non è una missione statica, perché la natura della chiesa è il movimento. Essa non se ne deve stare troppo sedentaria e tranquillamente chiusa nel suo recinto. Deve essere aperta a vari orizzonti e pronta ad annunciare il Vangelo e a raggiungere tutte le periferie umane ed esistenziali”.

Una frase particolare di Gesù colpisce papa Francesco, Lascia che i morti seppelliscano i loro morti: “Sono parole volutamente provocatorie. Gesù intende affermare il primato del seguire ed annunciare il regno di Dio, cose più importanti della realtà e della famiglia. È urgente comunicare il Vangelo, perché è l’unica cosa che spezza la catena della morte e porta alla vita eterna”.

Papa Francesco: le condizioni per poterlo seguire

Gesù ci pone delle condizioni quali itineranza, prontezza e decisione, cose che non possono essere sottoposte a dei no. Ma la domanda che dobbiamo porci è: vogliamo o no diventare discepoli di Gesù? Deve essere una scelta libera e consapevole, anche per ricambiare la grazia inestimabile che Dio ha per noi, e non per esaltarci. Coloro che pensano di seguire Cristo solo per promuovere se stessi, non hanno la vera passione nel cuore” – ha detto papa Francesco.

Il periodo di riposo

In conclusione, il santo padre ha anche augurato pace e tranquillità a chi da inizio al periodo di riposo estivo: “Preghiamo maggiormente per chi soffre in questo periodo estivo, in particolare anziani e ammalati. Perché non siano dimenticati”.

ROSALIA GIGLIANO

Fonte: vaticannews.va

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]