Paolo Brosio dopo il delicatissimo Intervento Chirurgico lascia un post che commuove tutti

36 minuti fa da Fb:

CRONACA DI UNA GIORNATA DI PASSIONE
Riflessioni a cuore aperto di Paolo Brosio subito dopo l’intervento chirurgico

Cari amici, oggi per me è stata una prova difficile nel giorno dell’anniversario della Madonna di Fatima, che mi ha sostenuto insieme a Padre Pio.
Sono molto stanco e un po’ provato dall’intervento chirurgico alla gamba destra, dove mi hanno sostituito l’acetabolo, la testa del femore e l’ultima parte del femore prima della testa.
E’ stato fatto un impianto di titanio e ceramica, ma date le condizioni estremamente critiche dell’acetabolo e della testa del femore, l’intervento che oggi, grazie ai progressi della scienza medica, si fa in maniera ordinaria e senza grandi difficoltà, stavolta è durato un po’ di più a causa delle condizioni precarie delle mie ossa per il tanto sport che ho praticato sin da ragazzo, specialmente per il calcio e il tennis da me molto amati insieme alla bicicletta da corsa e alla maratona.
Una piccola riflessione: lo sport è bello ma quando è agonistico, poi si finisce per pagare pegno!
Così stamani ho espiato un po’ dei peccati e colpe della mia vita!

Devo ringraziare tanto l’equipe medica del San Camillo di Forte dei Marmi: il direttore generale Alessandro Lombrano, il direttore sanitario professor Pierpaolo Vescovi, il dott. Giancarlo Coari, direttore di tutto il reparto di ortopedia chirurgica, il dott. Alessandro Tripodo, che ha eseguito dal primo all’ultimo minuto l’intervento insieme ad una mia carissima amica chirurgo-ortopedico, la dottoressa Erika Gori, già medico alla clinica universitaria di ortopedia dell’ospedale di Pisa.
Grande professionalità anche da parte del dott. Alessandro Tartarelli responsabile dell’anestesia, che è stata effettuata in via epidurale, cioè dal fondoschiena in giù.
Quindi potete immaginare…ho sentito tutto: martellate, seghe elettriche che partivano a cento allora, odore di ossa bruciate, sangue che veniva riciclato con un macchina speciale. Per usare una metafora delle trasmissioni che ho fatto a Linea Verde con lo chef Vissani, mi sono sentito e mi sento tuttora come uno di quei polli e di quei conigli che vengono disossati e poi legati con lo spago ed infilati con la salvia e le bacche, pronti per la grigliata finale.
Ora spero che dopo essere stato disossato, la grigliata finale sia rimandata fra qualche decennio!

Oggi, cari amici, vi assicuro che ho potuto constatare di persona sulla mia pelle, che il San Camillo qui al Forte è una struttura di altissimo livello: apparecchiature ultra moderne, alta professionalità non solo tra i medici, ma nel personale medico e paramedico, sia nelle sale chirurgiche che nel reparto degenza. E non solo, tanta pazienza, compassione e misericordia per tutti i malati.
Ogni reparto, medico e paramedico, ha funzionato con automatismi perfetti e questo accade ogni giorno non solo per me o per chi è conosciuto, ma per tutti i pazienti di qualunque estrazione e classe sociale, così come dovrebbe essere da ogni parte. Questa è la cosa più bella, perché il San Camillo è un ospedale di eccellenza di primo ordine a livello nazionale ed internazionale per il reparto hospice (malati in gravissime condizioni) e per gli ambulatori delle diverse specializzazioni.
Il San Camillo è un presidio ospedaliero nato dai padri Camilliani e quindi potrete prendere l’ascensore andare giù al piano terra dove c’è una chiesa con il tabernacolo ed il Santissimo: scienza medica di prim’ordine e Gesù con sua Madre Maria Santissima!
Quando la scienza va a braccetto con la fede allora lì c’è un grande salto di qualità!

Potete immaginare quanto ho pregato a fior di labbra, tutte le Ave Maria me le sono sparate una dietro l’altra e quando sentivo dei colpi o rumori della sega elettrica pregavo anche il Padre Nostro…! Eh sì, è proprio vero che quando siamo nel pericolo, nel dolore, nella difficoltà, allora si prega con il cuore più aperto e con tanta intensità.
E tutto questo ci fa capire che le tribolazioni della vita sono non una sciagura ma una benedizione del Cielo, perché così diventiamo più buoni, più miti più umili e le nostre preghiere arrivano direttamente al Cuore Immacolato di Maria e al Sacro Cuore di Gesù.
Ho pregato per i vescovi, per i sacerdoti ed in particolare per i frati Cappuccini di Forte dei Marmi, che hanno tanto sofferto per la dipartita in paradiso del nostro amato parroco Padre Domenico. Ho invocato l’aiuto di San Pio che, per grazia di Dio, ho avuto l’onore di portare in giro per l’Italia con la Misericordia di Firenze.
Ho pregato anche per la mia mamma che sono due giorni che piange ininterrottamente a causa di questo intervento chirurgico. Ho pregato per tutti voi e in modo speciale per i malati dell’hospice del San Camillo che stanno molto peggio di me.
Chiedo ora al Signore questa ultima grazia di Dio: di concedermi il dono di una fede ancora più grande, in modo tale che io possa pregare così intensamente non solo quando sono nel pericolo ma anche quando le cose vanno bene.

Un bacio a tutti e un grazie di cuore a ognuno di voi perché i miei social network sono andati in tilt per le tante parole di conforto e di compassione per questa giornata per me tanto difficile!
Un altro abbraccio fortissimo a tutti i volontari, dipendenti, consiglieri di amministrazione, al presidente Piergiorgio Merlo e alla mia preziosa ed instancabile Elena Benvenutti, vice-presidente, che rappresentano la forza dell’Associazione Onlus “Olimpiadi del Cuore” e del mio gruppo di preghiera “I figli della Gospa, i figli di Maria”.

Un grande abbraccio di cuore, W la Gospa!
Paolo Brosio

Schermata 2016-05-14 alle 00.00.42