Padre Pio, epidemia: fu contagiato di “Spagnola” e soffrì molto – Video

Tante sono state le sofferenze e le prove che Padre Pio ha dovuto affrontare nel corso della sua vita. Forse non tutti sanno che si è  ammalato di “febbre spagnola”.

Anche Padre Pio ha vissuto sulla sua pelle, le conseguenze di un’epidemia, quella della “Spagnola” che dilagò in Europa a inizio del ‘900. 

Padre Pio si ammala

L’anno 1918 è stato un anno estremamente difficile per l’Italia e per l’Europa intera. Una pandemia stava per abbattersi sul mondo, simile a quella che stiamo affrontando noi oggi: quella della “febbre spagnola” (o “influenza spagnola”, che dir si voglia).

Anche Padre Pio fu colpito da questo male, ma questo non ha mai spento la sua fede, tanto da indurlo a scrivere, ad una sua figlia spirituale, una lettera: “Ti scrivo dal mio letto, dove sono confinato perché, anche io, ho contratto questa malattia”.

padre pio
photo web source

A una sua figlia spirituale: “Ho la febbre spagnola”

Mi sento pieno di dolori nel fisico, ma anche pieno di amarezza nello spirito” – continua il Santo di Pietrelcina. Una lettera nella quale lui racconta che “qualcosa di brutto l’aveva preso di nuovo“.

Infatti, solo dopo 10 giorni dall’aver ricevuto il dono delle stimmate, il Santo frate fu costretto a letto, al riposo, al confinamento quasi. E, sia in quella occasione, sia quando fu colpito dalla febbre spagnola, Padre Pio stazionò nella foresteria del Convento di San Giovanni Rotondo.

Fu rinchiuso lì per evitare che contagiasse tutti gli altri suoi confratelli.

Ascoltiamo, attraverso questo video, come il Santo di Pietrelcina affrontò questo periodo così difficile della sua vita. Questo, perché sia d’esempio anche a noi che, proprio 100 anni dopo, stiamo affrontando un’altra di pandemia.

Video: padrepiotv

ROSALIA GIGLIANO

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]