Padre James ecco perchè lo yoga è incompatibile con Cristo

P. James Manjackal: lo yoga, nella filosofia e nella pratica, è incompatibile con Cristo!

(tratto dal link esterno – sito di padre James Manjackal)

 

“Come cristiano cattolico – dice Padre James Manjackal – sono nato in una famiglia cattolica tradizionale del Kerala in India, ma sono vissuto in mezzo gli indù, ed ora come un sacerdote cattolico carismatico sono predicatore religioso in 60 paesi in tutti i continenti. Ho qualcosa da dire sugli effetti negativi dello Yoga sulla spiritualità cristiana e la vita. So che c’è un crescente interesse sullo Yoga in tutto il mondo, anche tra i cristiani, e tale interesse è esteso ad altre pratiche esoteriche e pratiche newage come il Reiki, la reincarnazione, la digitopressione (shiatsu), l’agopuntura, il Pranic Healing (pranoterapia), la riflessologia, ecc, che sono metodi contro i quali la Chiesa ha avvertito e avverte nel suo documento “Gesù Cristo portatore dell’acqua della vita” (2003).

Per alcuni, lo yoga è un modo di relax e di allentamento delle tensioni e per altri è una forma di esercizio per promuovere il fitness e la salute e per alcuni è un mezzo di guarigione delle malattie. C’è molta confusione nella mente della media dei cattolici-laici e chierici, perché lo Yoga come è promosso fra i cattolici non è né una disciplina del tutto fisica, né del tutto una disciplina spirituale, ma a volte una, a volte l’altra, e spesso una miscela di entrambi. Ma in realtà, lo yoga è soprattutto una disciplina spirituale e so che anche i preti e le suore nei seminari e nei noviziati – PURTROPPO – promuovano lo Yoga come aiuto alla meditazione e alla preghiera. E ‘triste, oggi giorno, che molti cattolici stiano perdendo la fiducia nella grande spiritualità e nel misticismo per la preghiera e la disciplina consegnati loro dai grandi santi, come Ignazio di Loyola, Francesco d’Assisi, Francesco di Sales, Santa Teresa d’Avila, ecc . e si impantanino con la spiritualità orientale e il misticismo provenienti dall’Induismo e dal Buddismo. E’ a questo proposito che un sincero cristiano dovrebbe indagare la compatibilità dello Yoga con la spiritualità cristiana e la saggezza di incorporare le sue tecniche nella preghiera cristiana.

Che cosa è lo Yoga? La parola Yoga significa “unione”, l’obiettivo dello Yoga è quello di unire il propria transitorio (temporaneo) SE’, “JIVA” con l’infinito “Brahman”, il concetto indù di Dio … Questo Dio non è un Dio personale, ma è una sostanza spirituale, impersonale, che è tutt’uno con la natura e il cosmo. Brahman è una sostanza divina impersonale che “pervade, avvolge e alla base di tutto”. Lo yoga ha le sue radici nelle Upanishad indù, che è vecchia (1.000 aC) e dice che lo Yoga è “unire la luce dentro di te con la luce del Brahman”. “L’assoluto è all’interno di uno stesso”, dice il Chandogya Upanishad, “TAT Tuam ASI” o “sei tu quello”. Il Divino dimora in ognuno di noi attraverso il suo rappresentante microcosmico, il sé individuale chiamato “Jiva”. Nella Bhagavad Gita, il Signore Krishna descrive il Jiva come “la mia porzione eterna”, e “la gioia dello Yoga viene allo yogi che è uno con Brahman”. Nel 150 dC, lo yogi Patanjali ha spiegato gli otto modi che conducono le pratiche Yoga dall’ignoranza all’illuminazione – le otto vie sono come una scala – sono l’autocontrollo (yama), l’osservanza religiosa (niyama), le posture (asana), gli esercizi di respirazione (pranayama), il controllo dei sensi (pratyahara), la concentrazione (dharana), la contemplazione profonda (dhyana), la illuminazione (samadhi). E ‘interessante notare, qui, che le posture e gli esercizi di respirazione, spesso considerati come l’insieme di Yoga in Occidente, sono i punti 3 e 4 verso l’unione con Brahman! Lo Yoga non è solo un elaborato sistema di esercizi fisici, è una disciplina spirituale, la pretesa di condurre l’anima al Samadhi, l’unione totale con l’essere divino. Samadhi è lo stato in cui il naturale e il divino diventano uno, l’uomo e Dio diventato uno senza alcuna differenza (Brad Scott. “Esercizio o pratica religiosa? Yoga: Che cosa mai l’insegnante ha insegnato in quella classe di Hatha Yoga” in “Expositor Watchman”, Vol . 18, No. 2, 2001).

Una tale visione è radicalmente contraria al cristianesimo che distingue chiaramente tra Creatore e creatura, Dio e uomo. Nel cristianesimo, Dio è il “Altro” e mai di sé. E ‘triste che alcuni promotori di Yoga, Reiki e le altre discipline e meditazioni, abbia frainteso alcune citazioni isolate Bibbia a sostegno di false argomentazioni del tipo: “voi siete il tempio di Dio”, “l’acqua viva scorre da te”, “di essere in me e io in voi “,” non è più io che vivo, ma Cristo vive in me “, ecc, senza comprendere il contesto e il significato di quelle parole nella Bibbia. Ci sono anche le persone che ritraggono Gesù come uno yogi come possiamo vedere in alcuni conventi-cappelle e presbiteri in cui Gesù viene presentato in posture yogi di meditazione! Chiamano Gesù “uno Yogi” è negano la sua divinità intrinseca, la sua santità e la sua perfezione e suggeriscono che aveva un soggetto di natura decaduta l’ignoranza e l’illusione (Maya), che aveva bisogno di essere liberato dalla condizione umana attraverso l’esercizio e la disciplina della Yoga. RIDUCONO in modo antistorico GESU’ da DIO a semplice UOMO! Lo Yoga non è compatibile con la spiritualità cristiana, perché è panteistico (Dio è tutto e tutto è Dio), e sostiene che vi è solo una realtà e tutto il resto è illusione o Maya. Se c’è una sola realtà assoluta e tutto il resto è illusorio, non ci può essere alcun rapporto e nessun amore. Il centro della fede cristiana è la fede nella Santa Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, tre persone in un Dio-unico, il modello perfetto di relazione d’amore. Il cristianesimo è tutto sulle relazioni, con Dio e tra gli uomini: “Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso “ (Mt 22, 37-39).

Nell’Induismo, il bene e il male, come il dolore e il piacere sono illusori (Maya) e quindi irreali. Vivekananda, la icona o guru più rispettato del moderno induismo, ha detto che “il bene e il male sono la stessa cosa” (Vivekananda. “La Yoga ed altre opere”, pubblicato, Ramakrishna Vivekananda Centro NY 1953). Nel cristianesimo il fastidioso problema del peccato come un reato contro la santità di Dio è inseparabile dalla nostra fede, perché il peccato è il motivo per cui abbiamo bisogno di un Salvatore. L’Incarnazione, la Vita, la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù sono per noi e significano la nostra salvezza liberandoci dal peccato e dalle sue conseguenze. Non possiamo ignorare questa differenza fondamentale con lo scopo errato di assorbire yoga e altre tecniche di meditazione orientale nella spiritualità cristiana. La pratica dello Yoga è pagana al meno, e occulta nel caso peggiore. Questa è la religione dell’Anticristo e per la prima volta nella storia si sta selvaggiamente praticando in tutto il mondo occidentale e in America. E ‘ridicolo che anche maestri yogi che indossano una croce o un simbolo cristiano ingannino le persone dicendo che lo Yoga non ha nulla a che fare con l’induismo e dire che si tratta solo di accettare le altre culture. Alcuni hanno mascherato lo Yoga sotto gesti cristiani e lo chiamano “Yoga cristiano”. Qui non si tratta di accettare la cultura di altre persone, si tratta di accettare un’altra religione che è incompatibile con la nostra fede cristiana e con i dogmi o certezze rivelati da Cristo unica Verità.

E’ grave che lo Yoga sia stato selvaggiamente diffuso dappertutto, dalla scuola materna alle istituzioni educative, in medicina, psicologia, ecc e si autodefinisca come una scienza, mentre non è una scienza! Viene venduto con l’etichetta di ‘relax terapia’, ‘ auto-ipnosi ‘,’ visualizzazione creativa ‘,’ centratura ‘, ecc. Hatha Yoga, è una delle dizioni che è diffusa in Europa e in America si dice per il relax ma è uno dei sei sistemi riconosciuti dell’induismo ortodosso, ed è la radice religiosa e mistica, la forma più pericolosa di Yoga (Dave Hunt, “La seduzione del cristianesimo”, p.110). Ricordate le parole di St. Paul, “Non c’è da meravigliarsi, perché anche Satana si maschera come angelo di luce “ (II Cor 11, 14). E ‘vero che molte persone sono [apparentemente] guarite da Yoga e in altri modi orientali di meditazione. [In realtà, come dice Padre Verlinde e Suor Emmanuel si tratta solo dell’effetto sospensione tipico degli esoterici in cui il male viene sospeso per qualche giorno da chi lo opera – satana – per poi ricomparire spostato a livello fisico o psicologico o più gravemente – perchè ne va di mezzo la salvezza dell’anima – come male spirituale]. Qui i cristiani dovrebbero chiedersi se hanno bisogno di benefici materiali o di guarigione perchè non si rivolgono al loro Dio in Gesù Cristo in cui credono, che è l’unica fonte di tutte le vere guarigioni e della vera buona salute.

Il desiderio di diventare Dio è il primo peccato ed è cronologicamente il secondo nella storia della creazione nella Bibbia: “Come mai sei caduto dal cielo, Lucifero, figlio dell’aurora? Come mai sei stato steso a terra, signore di popoli? Eppure tu pensavi: Salirò in cielo, sulle stelle di Dio innalzerò il trono, dimorerò sul monte dell’assemblea, nelle parti più remote del settentrione. Salirò sulle regioni superiori delle nubi, mi farò uguale all’Altissimo” (Is.14,12-14). [Queste stesse parole di Lucifero le ritroviamo nel delirio di onnipotenza degli yogi di salire fino a possedere il divino; infatti afferma la “Bibbia dello Yoga”, lo Yogasutra di Patanjali, afferma che “grazie allo yoga, lo yogin perviene a conoscere infallibilmente tutto quanto egli desidera… diviene invisibile… percepisce qualsiasi oggetto remoto o nascosto… sono in possesso di tutti i poteri… perviene a conoscere ogni cosa… giunge a possedere il controllo di ogni cosa entrando in stato di identificazione con le cose fino agli atomi più sottili. Allora possedendo la padronanza anche del rapporto tra questi e l’etere, lo yogin stesso si fa lieve ed è in grado di camminare con i piedi sopra l’acqua e sui raggi del sole… funziona fuori dal corpo e lo yogin può accedere nei corpi altrui… lo yogin è in grado di penetrare in un sasso; ne l’acqua fluendo lo bagna, nè il calore del fuoco lo scotta; nè l’aria gli soffia contro… lo yogin si fa onnisciente… acquista vista e udito divini e corpo adamantino ” (Patanjali, Gli aforismi sullo Yoga (Yogasutra), ed Biblioteca Boringhieri, Torino 1978, pp.122.153.156.159.162.167.168.172.175.177 o II,45; III,21.25.26.33.42.43.45.49.51). Anche il guru Swami Vivekananda lo dichiara eloquentemente quando illustra quali sono i poteri dello yogi pienamente illuminato: “Quale potere sulla terra potrebbe non essere il suo? Egli sarà capace di muovere il sole e le stelle fuori dalle loro orbite, di controllare ogni cosa nell’universo dagli atomi al più grande dei soli. Questo è lo scopo finale del pranayama [controllo ritmico del respiro]. Quando lo yogi diventa perfetto non c’è niente in natura che non sia sotto il suo controllo. Se ordina agli dei oppure alle anime dei defunti di venire a lui, essi verranno al suo comando. Tutte le forze della natura obbediranno a lui come schiave […] Chi ha controllato il prana ha controllato la sua stessa mente ed anche tutte le menti […] e tutti i corpi che esistono” (Nikhilananda, Vivekananda: The Yogas and Other Works,  in T. Mezzetti, Come leone ruggente, I, 239). Per il grande antropologo Mircea Eliade gli yogi millantano “facoltà percettive non condizionate dagli organi del corpo in cui potrebbero vedere senza occhi, toccare senza mani, udire senza orecchi, giungere senza camminare e cosi via” (cfr. Julius Evola, Lo Yoga della potenza, ed Mediterranee, Roma 2006, p.106)].

Il serpente disse alla donna: “Tu non morirai. Dio sa che quando ne mangiasti, i vostri occhi si apriranno, e sarete come Dio, conoscendo [senza Dio e la grazia di Cristo] cosa è bene e cosa è male “ (Gen 3, 4-5). La filosofia e la pratica dello Yoga si basano sulla convinzione che l’uomo e Dio sono uno. Si insegna a concentrarsi su se stessi invece che sul vero Dio. Esso incoraggia i suoi partecipanti a cercare le risposte ai problemi della vita e le domande entro la propria mente e coscienza, invece di trovare soluzioni nella Parola di Dio attraverso lo Spirito Santo come è nel CristianesimoCosì si lascia sicuramente la porta aperta all’inganno del nemico di Dio, satana, che scruta per le vittime che “come leone ruggente” egli può portare via da Dio e dalla Chiesa (1 Pt.5, 8). Negli ultimi otto anni, io – dice sempre Padre James – sto predicando la Parola di Dio soprattutto nei paesi europei, che un tempo erano la culla del cristianesimo, producendo evangelizzatori e missionari, martiri e santi. Ora si può chiamare l’Europa, cristiana? Non è forse vero che l’Europa ha cancellato tutti i suoi concetti e valori cristiani dalla vita? Perché l’Europa si vergogna di dire che ha radici cristiane? Dove sono i valori morali e di etica praticata dagli Europei nel corso dei secoli e consegnato ad altri paesi e culture dalla proclamazione audace del Vangelo di Cristo? Dai frutti che si conosce l’albero! Credo che questi dubbi e confusioni, l’apostasia e l’infedeltà, la freddezza e l’indifferenza religiosa sia arrivata in Europa da quando il misticismo orientale, la meditazione esoterica e le pratiche del New Age sono stati introdotte in Occidente. Nei miei ritiri carismatici, la maggior parte dei partecipanti vengono afflitti da vari problemi morali, spirituali, mentali e fisici col desiderio di essere liberati e guariti da Gesù e di avere una nuova vita attraverso la potenza dello Spirito Santo. Con tutta sincerità di cuore dirò, l’80 e il 90% dei partecipanti [ammalati] era stato di Yoga, Reiki, reincarnazione, etc delle pratiche religiose orientali dove hanno perso la fede in Gesù Cristo e la Chiesa. In Croazia, Bosnia, Germania, Austria e Italia ho avuto chiari esempi in cui le persone che erano possedute dalle potenze delle tenebre gridarono [il nemico grisò]: “Sono Reiki”, “Io sono il signor Yoga”, identificandosi a queste pratiche esoteriche come persone mentre stavo svolgendo preghiere di guarigione per loro. Più tardi, ho dovuto pregare su di loro con la preghiera di liberazione per liberarli dal male malefico! Ci sono alcune persone che, [stoltamente], dicono: “non c’è nulla di male a ricevere le pratiche di questi, è sufficiente non credere le filosofie dietro”. I promotori [seri] di Yoga, Reiki, ecc, dicono molto chiaramente, che la filosofia e la pratica sono inseparabili. Quindi, un cristiano non può in alcun modo, accettare la filosofia e la pratica dello Yoga perché lo Yoga e il cristianesimo sono mutuamente contrari sotto tutti i punti di vista. Il Cristianesimo vede come problema primario dell’uomo il peccato, un difetto di conformità sia per il carattere e le norme di un Dio perfetto moralmente. L’uomo è alienato da Dio e ha bisogno di riconciliazione, del Suo perdono. La soluzione è Gesù Cristo “L’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”. Attraverso la morte di Gesù ‘sulla croce, Dio ha riconciliato a sé il mondo. Lui, ora chiama l’uomo a ricevere liberamente tutti i vantaggi della sua salvezza attraverso la fede in Cristo soltanto. A differenza dello Yoga, il cristianesimo vede la salvezza come dono gratuito che può solo essere ricevuta e non può essere guadagnata o raggiunta dal proprio sforzo con delle tecniche.

Oggi ciò che è necessario in Europa o altrove è la predicazione potente del messaggio di Cristo proveniente dalla Bibbia e interpretata dalla Chiesa al fine di eliminare i dubbi e le confusioni selvaggiamente diffuse tra i cristiani in Occidente per portarli alla Via, Verità e la Vita: Gesù Cristo. Solo la verità può renderci liberi”.