Oggi 9 gennaio: il Battesimo Gesù nel fiume Giordano | Perché si aprirono i cieli?

In occasione della prima domenica dopo l’Epifania, la Chiesa celebra il momento in cui Gesù è dichiarato Figlio di Dio dal Padre stesso: in quell’istante si squarciarono i cieli. 

Giovanni il Battista battezza Gesù nel fiume Giordano. La Chiesa contempla questo momento con una particolare festa liturgica.

 Battesimo di Gesù
Il Battesimo di Gesù, Guido Reni – photo web source

9 gennaio: Gesù è battezzato

In questo nono giorno del mese di gennaio, la chiesa celebra e ricorda il Battesimo di Gesù. Il Signore lo riceve, da parte di Giovanni Battista, nel fiume Giordano, così come narrato dai Vangeli di Matteo, Marco e Luca. Il Vangelo secondo Giovanni presenta la testimonianza da parte di Giovanni Battista della discesa dello Spirito Santo su Gesù, ma non parla del suo battesimo.

L’episodio si colloca nell’ambito dell’attività del Battista, che battezza il popolo nelle acque del Giordano.

Nel Vangelo secondo Marco Gesù si reca da Nazaret (in Galilea) sulle rive del Giordano, dove viene battezzato da Giovanni Battista. Uscendo dall’acqua, vede i cieli aprirsi e lo Spirito scendere su di lui sotto forma di colomba, mentre si ode una “voce dal cielo” che dice «Tu sei il Figlio mio prediletto, in te mi sono compiaciuto». La stessa frase che Dio ripeterà anche quando Gesù si trasfigura sul Monte Tabor, come raccontato dai Vangeli di Matteo, Marco e Luca: “Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo».

Il racconto dei Vangeli

Anche nel Vangelo secondo Matteo Gesù va dalla Galilea alle rive del Giordano per farsi battezzare da Giovanni. In questo vangelo, però, si narra anche di come Giovanni Battista cerchi di impedirglielo dicendogli: “Io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me?”, ma Gesù lo convince rispondendogli: “Lascia fare per ora, poiché conviene che così adempiamo ogni giustizia“.

Come in Marco, anche in Matteo Gesù, uscendo dalle acque, vede il cielo aprirsi e discendere lo Spirito di Dio sotto forma di colomba, mentre una voce dal cielo afferma: “Questo è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”.

Nel Vangelo secondo Luca “tutto il popolo” è battezzato e anche Gesù si fa battezzare; mentre è raccolto in preghiera, il cielo si apre e scende su di lui lo Spirito sotto forma di colomba, mentre si ode una voce celeste che dice «Tu sei il mio figlio prediletto, in te mi sono compiaciuto».

L’evangelista Giovanni: la discesa dello Spirito Santo

Nel Vangelo secondo Giovanni non si parla, invece, di battesimo, ma solo di discesa dello Spirito sotto forma di colomba. Giovanni Battista rende infatti testimonianza dicendo che colui il quale lo aveva mandato a battezzare con acqua lo aveva avvisato che colui sul quale avrebbe visto scendere lo Spirito per rimanervi sarebbe stato colui che avrebbe battezzato nello Spirito (invece che in acqua come Giovanni), e che aveva visto lo Spirito discendere dal cielo sotto forma di colomba su Gesù e di averlo riconosciuto come figlio di Dio.

La festa del Battesimo di Gesù conclude il tempo liturgico del Natale e cade la domenica dopo la solennità dell’Epifania. I Padri della Chiesa dicevano che Gesù scendendo nelle acque del Giordano, ha idealmente santificato le acque di tutti i Battisteri, dal più semplice e moderno, a quelli che si innalzano a gloria del Sacramento nelle grandi cattedrali.

LEGGI ANCHE: Perché Gesù, innocente da ogni colpa, ha ricevuto il Battesimo?

La preghiera da recitare per il Battesimo di Gesù

O Padre, che nel battesimo del Giordano

con l’autorità della tua voce

e la discesa dello Spirito

ci hai presentato solennemente

il Signore Gesù come l’Unigenito che tu ami,

dona a chi,

rigenerato dall’acqua e dallo Spirito,

è diventato tuo figlio

di vivere senza smarrimenti

secondo il tuo disegno di amore.

Amen.

LEGGI ANCHE: Battesimo di Gesù: significato, tradizione e differenze nei 4 Vangeli

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: redazione@lalucedimaria.it