Nuovo DPCM, le prime indiscrezioni: in arrivo la “zona bianca”

Dopo il vertice di governo a Palazzo Chigi, arrivano le prime indiscrezioni sulle nuove regole e misure che entreranno in vigore col nuovo DPCM.

Coprifuoco in Italia
photo web source

A partire dal 16 gennaio, l’Italia sarà investita dalle nuove restrizioni anti Covid, e le voci parlano di una stretta ulteriore. 

Pare che resti confermato il divieto di spostamento tra una regione e l’altra, anche tra quelle che rientreranno nella zona gialla. E il coprifuoco alle ore 22.  Sembra che si andrà verso una nuova stretta anti-movida, col divieto di asporto di cibi e bevande dopo le 18 dai bar per evitare aperitivi in strada ed eventuali assembramenti.

La novità

Il nuovo decreto verrà introduce una novità: la zona bianca. Quale siano le regole che contraddistinguono questa nuovo colore, non è ancora chiaro. Per ora si parla del solo obbligo di indossare la mascherina e mantenere le distanze. Queste alcune delle prime indiscrezioni dopo il vertice tenutosi a Palazzo Chigi, dal governo e i capi delegazione di maggioranza.

Le restrizioni confermate

La proposta dovrà comunque essere sottoposta alle regioni nel vertice del 12 gennaio, con il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia. Si discute poi sulla possibilità di confermare o meno le restrizioni natalizie riguardo alle visite a parenti e amici e di rinvio dell’apertura dell’impianti sciistici.

Il governo inoltre sta considerando anche la proroga dello stato di emergenza in scadenza a fine gennaio, c’è chi parla addirittura del 31 luglio.

Per le disposizioni definitive occorre comunque attendere il 13 gennaio, quando il nuovo DPCM verrà illustrato dal ministro della Salute Roberto Speranza. Dopo di che  entrerà in vigore a partire dal 16 gennaio.

 

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]