Simone Broggi, il papà che combatte il neuroblastoma pedalando

Simone Broggi, il papà che combatte il neuroblastoma pedalando
Simone Broggi

E’ questo il messaggio che ha voluto lanciare Simone Broggi, un papà che ama il ciclismo e che ha organizzato il tour della solidarietà, per aiutare la ricerca contro il neuroblastoma, il temibile tumore che colpisce i neonati e i bambini molto piccoli e che attacca il sistema nervoso autonomo.
Il tour di Simone Broggi ha percorso moltissimi chilometri in bicicletta, da Napoli a Genova.

Il 28 Giugno è partito da Villaricca (Napoli) e, passando per Potenza, Massafra, Bari, Termoli, Civitanova, Rimini, Ponte della Priula, Schio, Como, Pont Saint Martin, l’8 Luglio è giunto all’Ospedale G. Gaslini (Genova).
L’iniziativa, così audace e singolare, aveva lo scopo di raccogliere fondi e di sensibilizzare ed informare, la gente comune come l’opinione pubblica, sulla pericolosità di questo tumore infantile, che colpisce, ogni anno, almeno 150 bambini, solo in Italia.

Il neuroblastoma è considerato una delle principali cause di morte, tra i bambini che di ammalano, secondo solo alla leucemia.
Simone Broggi, che viaggia da solo, senza il supporto di accompagnatori, ma attrezzandosi per rifornirsi nelle varie tappe del percorso, ha preso a cuore questo genere di impegno, già da un po’.
Già lo scorso anno, infatti, ha pedalato, per lo stesso scopo, da Como a Napoli, per 973 chilometri (in 4 giorni e mezzo), in Maggio; da Como a Valencia, per 1.570 chilometri (in 7 giorni), in Ottobre.

Il suo pensiero è sostenere il più possibile l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus: “Lo scopo della mia pedalata è quello di aiutare l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma, sostenendo la ricerca scientifica tramite donazioni spontanee, muovendo il cuore delle persone. Le donazioni saranno pura motivazione intrinseca: la vera benzina che mi farà muovere le gambe”.

Ricordiamo che l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma Onlus è nata nel 1993, all’Istituto G. Gaslini di Genova, su proposta di genitori e oncologi. Oggi è presente in tutta la Nazione.
E Simone Broggi espande il suo progetto a chiunque voglia accompagnarlo e pedalare con lui, contattabile alla pagina Facebook iopedalotudattidafare.

Antonella Sanicanti