Muore a 27 anni, il suo post diventa virale

Quando si è giovani non si pensa alla morte come ad un evento prossimo. I giorni si succedono in un continuum di gesti quotidiani che riempono la giornata in attesa di costruire un futuro che comprenda una famiglia, dei figli e un lavoro. Ci sono ragazzi, però, che vedono questa routine spezzata dalla scoperta di una malattia che nel giro di qualche anno toglierà loro il privilegio di far parte di questo mondo e solo in quell’istante comprendono la futilità degli interessi maturati fino a quel momento.

Molto significative riguardo a questo argomento sono le parole di Holly Butcher, una ragazza australiana di 27 anni che ha scoperto lo scorso anno di essere affetta dal sarcoma di Ewing (tumore osseo particolarmente raro). La giovane ha compreso come la morte non sia un evento che segna la fine di una vita lunga ed intensa ma una spada che pende costantemente sulla nostra testa e che in qualsiasi istante può trafiggerci. La consapevolezza maturata sulla propria pelle l’ha convinta a salutare gli amici attraverso una sorta di testamento Facebook in cui invita i coetanei a considerare la vita come un dono prezioso.

Il post di Holly comincia così: “È strano realizzare, quando hai solo 26 anni, che il tempo a tua disposizione sta per scadere”, evidenziando come una simile possibilità non venga nemmeno considerata a quell’età, quindi parlando di se e di come è giunta a questo infausto bivio scrive: “La possibilità di morire giovani è una cosa che molte volte ignoriamo. Ho sempre immaginato di diventare grande, che un giorno avrei avuto le rughe e i miei capelli sarebbero diventati bianchi. Ho sognato di fare una famiglia con l’uomo che amo. L’ho desiderato così tanto da far male”. Il post di Holly è uno sfogo per la sua situazione tragica, ma è anche e sopratutto un invito ai suoi coetanei a non dare per scontata la vita, rammarico che ha caratterizzato i suoi ultimi giorni: “La vita è così. Fragile, preziosa e imprevedibile. Ogni giorno che passa non è un nostro diritto, ma un dono che ci viene dato. Ora ho 27 anni e non voglio morire: amo la mia vita, sono felice e in debito coi miei cari. Ma non ho il controllo della mia vita tra le mani”.

Ma la ragazza australiana non si limita ad avvertire i suoi coetanei della fugacità della vita, nel prosieguo del suo messaggio c’è spazio per un desiderio che permetta a questi di godere al massimo del loro tempo: “Voglio che le persone smettano di preoccuparsi riguardo alle piccole cose stressanti e senza senso che capitano quotidianamente. Ricordate che tutti abbiamo lo stesso fato ad attenderci, per cui concentratevi su ciò che vi fa sentire utili. […] Quando vi lamentate riguardo a cose ridicole, pensate a chi affronta i veri problemi. Siate grati che i vostri non siano così grandi e passate oltre. Una volta fatto, prendete un bel respiro e alzate gli occhi al cielo blu e verso gli alberi verdi: il mondo è meraviglioso. Pensate a quanto siete fortunati per riuscire ancora a respirare”. L’iniziativa è stata accolta con favore dagli utenti del social network che hanno commentato e condiviso questo bel messaggio in favore della vita.