Ormai ad un passo dall’espianto degli organi, Dylan il bambino che si sveglia miracolosamente

Una storia straordinaria e che ha il sapore intenso del miracolo è accaduta ad un bambino ormai dato per spacciato dai medici, tanto che stavano per procede all’espianto degli organi, ma che si è risvegliato dal coma.
Il bambino di chiama Dylan Askin, è inglese ed ha solo tre anni.
Più di una volta, si era sentito male, poi, improvvisamente, gli era collassato un polmone, mentre si trovava a scuola.
Aspettando l’ambulanza, aveva smesso di respirare del tutto. La corsa in ospedale aveva poi dato modo di scoprire un tumore che gli toccava tutti e due i polmoni, un istiocitosi polmonare a cellule di Langerhans.
In seguito a questa diagnosi, per Dylan era cominciato un periodo di chemioterapia che non sembrava dare buon esito.
La sua situazione si è ulteriormente peggiorata, a causa di un’infezione ai polmoni che gli procurava crisi respiratorie e convulsioni continue.
Dylan stava sempre più male e rimaneva senza sensi per lungo tempo, tanto che i medici, che lo avevano in cura, nel Royal Derby Hospital, avevano già parlato ai genitori della possibile e imminente morte del piccolo e prospettavano loro un espianto di organi.
I medici proponevano di staccargli la spina. I genitori, addolorati, avevano provveduto a farlo battezzare, mentre cercavano di rassegnarsi al peggio.
Era tutto deciso, poiché Dylan sembrava ormai sul punto di spirare, invece ha cominciato a muoversi di nuovo e a rianimarsi, lasciando tutti increduli e piacevolissimamente sorpresi.
Il piccolo ha lottato e ha vinto la sua battaglia. Ora è stato dimesso e si riprende ogni giorno di più.
Ecco il frutto della speranza! Cosa sarebbe accaduto se la spina che lo teneva in vita fosse stata staccata anche solo in giorno prima?

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]