Medjugorje – Padre Livio: il tempo dei segreti è ormai prossimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:14

Padre Livio di Radio Maria ha commentato il messaggio di Medjugorje: “Non c’è tempo per esitare ad inginocchiarvi dinanzi a mio Figlio”.Commento-Padre-Livio-MirjanaLivio ha commentato il Messaggio della Madonna del 2 settembre scorso, messaggio che aveva sconvolto in molti.

“Non c’è tempo per esitare ad inginocchiarvi dinanzi a mio Figlio, a riconoscerlo come Dio”. Secondo la sua interpretazione, è possibile che al quarantesimo anno delle apparizioni, saremo ai Segreti. Mancano dunque meno di due anni; mai prima d’ora Padre Livio si era sbilanciato in questo modo. Padre Livio, ha comunque detto di voler verificare l’originale del testo croato, poiché Maria comunica con i veggenti nella loro lingua.

Il Messaggio di Medjugorje

Il Messaggio mariano recita: “Non c’è tempo per esitare ad inginocchiarvi dinanzi a mio Figlio, a riconoscerlo come Dio”. L’espressione tradotta come “Non c’è tempo”, ha portato Padre Livio a dare quest’affermazione a proposito del Tempo dei Segreti: “Considerato che ormai siamo al 38° anno delle apparizioni, credo davvero che ai 40…”. Si consideri infatti, che il 40 è un numero dal forte valore simbolico, un “tempo biblico” cruciale e rappresentativo.

La conferma di Gesù

Una conferma sull’emblematico numero quaranta ce la dà direttamente Gesù nei Libri di Cielo, vergati nella prima metà del Novecento dalla Mistica del Divin Volere, la Serva di Dio Luisa Piccarreta: “Figlia mia, credi tu che sia a caso l’averti tenuta prigioniera per quarant’anni e più, senza un grande mio disegno? No, no! Il numero quaranta è stato sempre significativo, e preparativo per opere grandi. Quarant’anni gli ebrei camminarono per il deserto senza poter raggiungere la terra promessa, patria loro, ma dopo quarant’anni di sacrifizi ebbero il bene di prenderne il possesso”.

Ancora conferme sul “quaranta”

In un altro brano, vi è ancora la conferma del simbolico numero: “Io andai nel deserto per richiamare quella mia stessa Volontà Divina che per quaranta secoli le creature avevano disertato da mezzo a loro; ed Io per quaranta giorni volli starmene solo per riparare i quaranta secoli di volontà umana in cui la Mia non aveva posseduto il suo Regno in mezzo alla umana famiglia, e colla mia stessa Volontà Divina La volli richiamare di nuovo in mezzo a loro per fare che regnasse […]”.

Fabio Amicosante

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Lalucedimaria.it scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]