Medjugorje: guarisce dalla depressione dopo 20 anni di cure

MedjugorjeSabino Simone è stato completamente trasformato da un viaggio a Medjugorje. Lui, sposato e con tre figli, non aveva una fede molto profonda, ma un giorno raggiunse la Bosnia-Erzegovina.

“Soffrivo da ormai vent’anni di una fortissima depressione e non trovavo via d’uscita con cure mediche. Mia madre seppe delle apparizioni e tentò di convincermi ad andare in quel luogo. Io rifiutai, non mi interessava. Data la sua insistenza, alla fine, l’accontentai”.
Sabino Simone non si aspettava proprio nulla da quel viaggio, invece poi non poté più farne a meno e vi torno innumerevoli volte, poiché era guarito dal suo male!

Ed ecco come descrive i momenti passati sulla collina delle apparizioni: “La sensazione di benessere interiore che sperimento, che io considero sicuramente frutto della grazia associata alla presenza della Madonna. Si sta bene davvero, e non dipende da ciò che siamo, abbiamo o facciamo. È dono del Cielo; è trovare tutto ciò che si è desiderato”.

E racconta che a Medjugorje le persone cambiano; “Sono toccate e cambiate, indipendentemente dalla loro predisposizione spirituale”.
Sabino Simone si è fatta un’idea di ciò che la chiesa chiede a Medjugorje in questo momento storico: “Capisco chi fatica a credere. Anch’io, inizialmente, ero così. Però, dai frutti prodotti nelle persone che sono state a Medjugorje, dico che è proprio un peccato non approfittarne”.

“(la chiesa) Non formula un giudizio finché gli eventi non si sono conclusi. È normale che sia così. Si rischia però che taluni eventi negativi predetti si avvicinino perché non si fa abbastanza per scongiurarli. Ricordiamo che dopo l’apparizione, nel suo primo messaggio, il 26 giugno 1981, la Madonna invocò pace, piangendo. Esattamente dieci anni dopo, il 26 giugno 1991, in Bosnia scoppiò la prima guerra europea dopo il 1945”.

Antonella Sanicanti

Segui tutte le nostre News anche attraverso il nuovo servizio di Google News, CLICCA QUI